KEN IL GUERRIERO LE ORIGINI DEL MITO REGENESIS – Il primo episodio tradotto in italiano!

Sì, lo so che dopo questa lunghissima assenza pensavate che fossi morto (e magari qualcuno lo sperava…) o, peggio ancora, che mi fossi arruolato nell’Isis, ma tra un impegno e l’altro e assieme ad Andrea “MusashiMiyamoto” Mazzitelli e Carmine Napolitano, ho finalmente concluso l’adattamento in italiano del primo episodio di Souten No Ken Regenesis, il nuovo manga di cui abbiamo parlato più volte nei tempi recenti. Avrei anche voluto scriverne una recensione ma, per una volta, ho pensato sarebbe stato meglio lasciare a voi eventuali commenti. Quindi, cliccate sul link sottostante e sarete reindirizzati al nostro forum, ove troverete l’intero capitolo da scaricare, completo di introduzione e note esplicative. Buona lettura! 😉

VAI AL FORUM

shortlink: https://wp.me/p1KoP8-8ja
Annunci

Ken il guerriero – Le origini del mito: REGENESIS FIRST LOOK

Abbiamo finalmente messo le mani su Souten No Ken Regenesis.
Il Re dell’Inferno è tornato ed è in splendida forma!

Sette anni fa, a causa dell’aggravarsi della distrofia corneale che lo affligge ormai da una vita, il maestro Tetsuo Hara per poco non decise di smettere completamente di disegnare. A quel tempo stava portando avanti Souten No Ken (da noi Ken il guerriero – Le origini del mito), un manga prequel dell’originale Hokuto No Ken  che per ben 10 anni era stato regolarmente pubblicato, settimana dopo settimana, su Comic Bunch. Per come era messo, non poteva più sostenere certe scadenze e quindi, anche se a malincuore, terminò la serie. Il finale, in effetti, parve a tutti un po’ affrettato rispetto a quanto ci si aspettava, ma quello che sicuramente lasciò speranza nel cuore di molti fu la didascalia che accompagnava le ultime pagine: “Fine del capitolo di Shangai”.

Ora, dopo aver accolto ed addestrato per anni nel suo staff il bravissimo Hideki Tsuji (segnatevi questo nome), il maestro ha deciso che era giunto il momento di aprire il sipario su un nuovo capitolo della vita del 62° successore di Hokuto. Diamo allora un primo sguardo a Regenesis, l’inizio di una nuova grande avventura sotto il segno dell’Orsa Maggiore!

Il numero di Comic Zenon che ospita le 75 pagine del primo episodio del manga ci introduce con una breve carrellata dei principali protagonisti e di quanto accaduto nella precedente serie.

A seguire uno schema riassuntivo sulla storia dell’Hokuto Shinken attraverso alcuni dei suoi più famosi successori.

C’è anche un’intervista al maestro in cui si parla della morte di Kenshiro Kasumi. Se ricordate, il mese scorso avevamo riportato proprio la notizia che, per la prima volta, Hara avrebbe fatto morire il protagonista di una sua serie. Personalmente avevo ipotizzato un inizio simile a quello di Ikusa No Ko che, con un flashforward, immortalava gli ultimi istanti di vita di Nobunaga per poi tornare al “presente”. Invece no. Semplicemente il maestro ci tiene ad informarci che la morte di Kenshiro Kasumi era nei suoi piani fin dagli inizi di Souten No Ken ma, essendosi i personaggi e la trama evoluti in maniera diversa da quanto si aspettava, aveva messo da parte l’idea in attesa di trovare una maniera adeguata per narrarne la morte. Hara parla infatti di un’idea di “estetica della morte” simile a quella di Rocky Joe, qualcosa di tragico ma allo stesso tempo glorioso e, se prima non aveva idea di come presentarla, adesso afferma di avere ben chiaro in mente come finirà la vita di Kenshiro Kasumi. Insomma, a meno che il maestro non si ritrovi coinvolto in uno scenario alla Misery non deve morire, ci toccherà fare scorta di fazzoletti per salutare la dipartita del nostro eroe.

Passando al manga vero e proprio, è interessante notare come questo nuovo inizio assomigli molto a quello della serie precedente.

Quello che però colpisce subito è lo stile del già citato Hideki Tsuji, che ad un profano sarebbe indistinguibile rispetto a quello del maestro Hara! Non ci credete? Guardate qua sotto…

Siete ancora convinti che dare Souten No Ken in mano ad un esordiente sia stata una mossa azzardata? Io per niente. E se questi sono gli inizi, possiamo solo immaginare di cosa sarà capace man mano che continuerà a lavorare sulla serie 😀

Per ora evitiamo di spoilerare la trama. Vi diciamo solo che la piccola Erika Arendt nel frattempo è cresciuta (e pure bene, direi) ed il primo capitolo è ambientato su una nave in mare aperto. Ad un certo punto la situazione degenera e tocca al nostro Kasumi entrare in scena in maniera spettacolare…

E MARY POPPINS MUTA!!

L’avversario contro cui dovrà vedersela è un militare dell’esercito olandese di nome Bonnefert. Praticamente un fratello cugino di Uighur e Bask.

Quello che però piacerà agli affezionati della serie precedente è il ritorno di Yasaka!

Se ci eravamo lamentati che lo si era visto poco in azione, stavolta c’è invece la concreta possibilità di vederlo sfoggiare il completo repertorio di colpi del micidiale Seito Gekken.

Tornando allo stile di disegno, c’è da notare come il volto di Kenshiro sia ora più “giovanile”. Assomiglia infatti molto più al Kipposhi di Ikusa No Ko in alcune espressioni, segno che Tsuji nel corso di questi anni si è evidentmente fatto le ossa proprio sul manga storico dedicato a Nobunga, restando per lungo tempo all’ombra del maestro.

Per ora chiudiamo qui, ricordandovi che il prima possibile realizzeremo la traduzione completa dell’episodio. Intanto ringrazio infinitamente Carmine Napolitano per le foto, le informazioni e la disponibilità.  A presto 😉

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8iz

 

Ken il guerriero – Le origini del mito: ad aprile 2018 la nuova serie animata

Pubblicato oggi, in Giappone, il primo episodio di Souten No Ken Regenesis, l’attesissimo nuovo manga ambientato 7 anni dopo la conclusione di Ken il guerriero – Le origini del mito. Mentre aspettiamo di averne sotto mano le 75 pagine che lo compongono, parliamo invece del nuovo anime televisivo, che avrà lo stesso titolo e partirà ad aprile 2018 sulla rete TOKYO MX.

Come specificato dallo stesso Tetsuo Hara nel corso di un’intervista (riportata sul sito ufficiale del progetto), pur avendo lo stesso nome, il manga e l’anime avranno un inizio differente. Il secondo infatti riprenderà le vicende da dove si erano fermate con la precedente serie da 26 episodi prodotta nel 2006 (edita anche in Italia da Yamato Video).

Per ulteriori news, come sempre, restate sintonizzati 😉

Shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8in

 

KEN IL GUERRIERO – Chi è davvero il Kenshiro de “Le origini del mito”?

Mancano ormai pochi giorni al debutto di Souten No Ken Regenesis, la nuova serie di Ken il guerriero – Le origini del mito, il manga che per ben 10 anni ha raccontato le gesta del 62° successore dell’Hokuto Shinken. Per questo motivo ho voluto cogliere l’occasione di fare chiarezza su un punto fondamentale che praticamente nessuno sembra aver colto, ovvero chi è veramente il Kenshiro Kasumi degli anni ’30. La stragrande maggioranza, erroneamente, lo ritiene lo zio del Kenshiro post-atomico semplicemente perché le riviste italiane che per prime diedero notizia, nel lontano 2001, dell’allora nuovissima serie, non avevano molto da dire se non che era fratello di Ryuken.

Altri ancora pensano che sia il nonno del protagonista dell’opera originale. Anche io, un tempo, la pensavo così. L’idea era che avesse avuto una figlia e che questa fosse divenuta poi la madre di Kenshiro e Hyoh. Ci poteva stare, anche perché se si fosse trattato di un figlio maschio avrebbe avuto tutto il diritto di essere addestrato per diventare egli stesso il successore dell’Hokuto Shinken al posto di Ryuken o in diretta competizione con quest’ultimo. Ma di un tale personaggio, nell’opera originale, non sembra esserci traccia. C’è invece questa vignetta…

Sì, avete letto bene è, se siete furbi, avete già capito tutto: è proprio il Kenshiro Kasumi de “Le origini del mito”  il padre di Hyoh e Kenshiro. Perché se ci pensate bene tutto combacia:

  1. Apparteneva alla Dinastia Principale di Hokuto.
  2. Ha vissuto per amore di una donna.
  3. Sempre per amore della sua donna, resta in Cina (che verrà poi chiamata “Terra degli Shura”), lo stesso luogo in cui avranno i natali Ken e Hyoh.
  4. Jukei, a cui i bambini sono affidati, è stato raccolto dalla strada proprio da lui.
  5. Ne “Le origini del mito”, quando il neonato Kenshiro viene portato al cospetto di Ryuken, non c’è alcuno stupore che abbia la stessa voglia a forma di costellazione del Ken degli anni ’30, anzi, sembra una cosa del tutto naturale.
    Nascita di Kenshiro

Ma il discorso non finisce qui perché, come già dovrebbe sapere chiunque abbia letto fino alla fine entrambe le opere, il Kenshiro post-atomico è anche la reincarnazione (o sarebbe meglio dire “rinascita”) del suo predecessore. La cosa viene sottintesa infatti negli ultimi volumi de “Le origini del mito”, quando Kenshiro Kasumi posa le mani sulla Stele dopo il Rito del Dono Celeste e rivive non solo la storia di Hokuto ma anche le sue vite passate. E se può sembrare una cosa assurda, è bene ricordare che il concetto di fondo di un percorso di continue morti e rinascite per raggiungere l’Illuminazione appartiene al buddhismo (dalla cui filosofia e storia l’universo di Ken il guerriero pesca a piene mani) ed è sintetizzato già nella serie classica con il Musou Tensei (Rinascita dal Nulla), stessa tecnica che il Ken degli anni ’30 sembra aver quasi raggiunto ma senza saperla padroneggiare (nel manga la vediamo manifestarsi infatti soltanto in un’occasione ma fuori dal controllo del protagonista, mentre è svenuto).

D’altronde anche il titolo stesso dell’imminente nuova serie, Regenesis, unito al fatto che nel primo capitolo vedremo gli ultimi istanti di vita del Kenshiro degli anni ’30, potrebbe stare ad indicare che quello che fino ad ora era stato lasciato intendere tramite indizi sparsi verrà finalmente detto apertamente. Per saperlo non dovremo aspettare molto, quindi restate sintonizzati. 😉

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8if

Ken il guerriero su PS4 – Trailer esteso e nuove informazioni

Nella giornata di ieri, 26 settembre 2017, si è tenuto un live streaming di SEGA in cui, oltre a parlarne più approfonditamente, è stato mostrato un nuovo trailer esteso per il sempre più atteso  Hokuto Ga Gotoku, videogame per PS4 che, lo ricordiamo, fonderà le avventure di Kenshiro con le meccaniche della serie Yakuza.

Oltre a tutte le cose che potete vedere da soli nelle nuove immagini, ci preme riportare alcune informazioni raccolte nei giorni scorsi da svariate interviste che gli sviluppatori hanno rilasciato ad importanti siti nipponici. Per prima, la notizia più importante…

Saranno presenti TUTTI i personaggi della prima serie!

Sì, avete letto bene, a detta dei rappresentanti di Yakuza Studio, in Hokuto Ga Gotoku faranno la loro comparsa tutti i personaggi che, nella saga originale, compaiono fino alla morte di Raoh. Vi pare troppo? Beh, pensate comunque che, dato emerso sempre dalle suddette interviste, il gioco è in sviluppo fin dalla fine del 2016, quindi ciò che ci è stato mostrato fino ad ora altro non è che la punta dell’iceberg.

Il progetto è stato infatti avviato poco prima che fosse messo in vendita Yakuza 6,  il che è uno dei motivi per cui non si è pensato di usare il famigerato motore grafico Dragon Engine, che all’epoca non era ancora stato ultimato. L’altro motivo per cui non si è puntato al realismo che un simile motore poteva offrire è che l’intento degli sviluppatori era quello di ricreare lo stesso feeling del manga. Per questo motivo hanno creato un apposito engine, da loro ribattezzato “Tetsuo Hara Shader”, ricavandolo da Yakuza 0 e Yakuza Kiwami. Molto impegno è stato quindi profuso per fare in modo che la grafica del gioco fosse il più possibile accostabile alle illustrazioni del maestro Hara.

 

Tuttavia, gli sviluppatori si dichiarano anche affezionati dell’anime storico di Ken il guerriero, ed è per questo che, ad esempio, hanno scelto di far annerire le sagome dei nemici che esplodono (espediente grafico già citato da Koei nel primo Ken’s Rage con la modalità di censura del sangue). Per quello che invece concerne la perplessità di diversi fan riguardo alla trama che, come ormai sappiamo, sarà una rivisitazione di quella originale, sempre gli sviluppatori hanno parlato di come la storia di Kenshiro fosse difficile da trasporre efficacemente in un videogame e così, come anche con la serie Yakuza, si è cercato di trovare il giusto compromesso fra una storia consistente dal finale solido ed un mondo liberamente esplorabile.

Per ora è tutto, ma restate con noi che di cose da dire ce ne saranno tante. Ringrazio per la collaborazione Andrea “MusashiMiyamoto” Mazzitelli, Carmine Napolitano e Calogero Piazza.

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8hy

Ken il guerriero – Le origini del mito: la nuova serie affidata ad un esordiente

Alla fine è successo. Tetsuo Hara ha cominciato a passare il testimone alle nuove generazioni. Attualmente impegnato su Ikusa No Ko, il manga che racconta la vita del giovane Oda Nobunaga, il maestro ha lanciato Regenesis, una nuova serie di Souten No Ken (da noi Ken il guerriero – Le origini del mito), ma affidandola ad un esordiente di nome Hideki Tsuji, scoperto proprio grazie allo Zenon Manga Audition (l’equivalente nipponico dell’internazionale Silent Manga Audition) con il suo breve manga dal titolo Fountain. Di seguito un paio di tavole dello stesso per farvi un’idea:

Non è finita. La storia sarà affidata ad Hiroyuki Yatsu, romanziere e sceneggiatore di serie tv, mentre Buronson è indicato come supervisore anche se, onestamente, ci crediamo poco (visto che ormai lui e Hara non s’incontrano manco più alle feste comandate).

Ad ogni modo, per quello che concerne la trama, sapevamo già che sarebbe stata l’Indonesia il teatro delle nuove avventure del 62° successore di Hokuto, ma ora è stato aggiunto il dettaglio che il nemico sarà rappresentato dall’esercito olandese, interessato ad appropriarsi del “catalogo della speranza” (chi conosce la serie sa bene di cosa, o sarebbe meglio dire di chi si tratta, per tutti gli altri evitiamo spoiler ), mentre nell’ombra si muoverà una misteriosa organizzazione che usa un’arte marziale sconosciuta.

Fatto interessante, nella pubblicità apparsa sul numero di Comic Zenon in vendita in Giappone a partire da oggi, viene detto che “Tetsuo Hara descriverà per la prima volta come muore il protagonista!”. Questo potrebbe semplicemente stare ad indicare, oltre al fatto che almeno il primo episodio potrebbe essere disegnato proprio dall’autore originale, un inizio molto simile a quello del già citato Ikusa No Ko, in cui un flashforward ci porta esattamente agli ultimi istanti di vita del protagonista prima di tornare al “presente” in cui si svolge la storia vera e propria.

A corredo di tutto questo, non solo il sito ufficiale di Hokuto No Ken si è aggiornato, ma sono stati aperti un sito ed un profilo twitter dedicati esclusivamente alla nuova serie, indice che Hara e soci sembrano puntare molto sul progetto che, lo ricordiamo, partirà il prossimo 25 ottobre.

Ringrazio Carmine Napolitano per tutte le informazioni

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8hc

 

Hokuto Ga Gotoku – Ancora dettagli dal Tokyo Game Show

SEGA ha mantenuto le promesse e, in occasione del Tokyo Game Show, ci ha dato in pasto davvero tante nuove informazioni riguardo all’imminente videogame su Ken il guerriero per PS4. Ci tocca quindi scrivere un ulteriore post dopo quello (già bello pieno di novità) che abbiamo redatto qualche giorno fa. Partiamo quindi da dove eravamo rimasti, ovvero il prezzo della Seikimatsu Premium Edition, che sarà di 11.390 yen (circa 92 euro). Sia questa che l’edizione standard sono già prenotabili, quindi, se non vi spaventa affrontare l’intero gioco tentando di decifrare l’idioma degli antichi samurai, affrettatevi.

Passiamo poi ai personaggi introdotti grazie all’ultimo aggiornamento del sito ufficiale giapponese. Della presenza di  Jagi e Souther ne avevamo già parlato, ma stavolta possiamo postare immagini migliori.

Il più paraculo dei fratelli di Hokuto è sempre lui, viscido e rancoroso verso Kenshiro. Pare che in Hokuto Ga Gotoku ricorderà molto da vicino il Goro Majima di Yakuza (anche perché avrà lo stesso doppiatore). Questo significa che sarà una spina nel fianco probabilmente per tutta la durata dell’avventura, sbucando spesso dall’ombra nel continuo tentativo di vendicarsi uccidendo l’odiato fratello minore o architettando piani alle sue spalle.

Riguardo al Sacro Imperatore, non ci vengono date informazioni diverse da quelle che già conosciamo se abbiamo seguito la serie originale, ma lo screenshot che lo accompagna ci aiuta a dedurre che, molto probabilmente, sarà l’artefice del rapimento di Xana, altro personaggio inedito che governa la città in vece del suo defunto padre, il che ci introduce proprio a…

Nadai, il fondatore di Eden, morto in circostanze misteriose e tutt’oggi ricordato e venerato dai cittadini come un eroe. Anch’egli personaggio nuovo di zecca, non sappiamo che ruolo avrà nella storia, ma siamo ansiosi di scoprirlo.

Infine, già intravisto nel trailer che vi abbiamo mostrato pochi giorni addietro, Uighur è stato finalmente svelato in via ufficiale. Anche in questo universo alternativo rivestirà il ruolo di Guardiano di Cassandra. Quest’informazione è importante perché la mitica prigione NON sarà situata all’interno di Eden. Come è infatti emerso da un’intervista agli sviluppatori (di cui parleremo meglio tra poco), ad un certo punto dell’avventura sarà necessario trasportare un malato al di fuori delle mura della città. Questo sarà possibile grazie ad un fuoristrada che da quel momento in poi potrà essere usato per spostarsi liberamente nel deserto!

Oltretutto il veicolo potrà essere migliorato e personalizzato raccogliendo diversi materiali, cosa che lo renderà anche in grado di inoltrarsi sempre più nel deserto. Questo, ovviamente facendo attenzione alle orde di predoni che, come da tradizione, ci inseguiranno senza tregua per prendersi la nostra vita ed i nostri averi. In questa modalità sarà anche possibile partecipare ad un vero e proprio rally nel deserto (Yaha! Rally) con in palio svariati premi.

Comunque, tornando alla missione di cui parlavamo, il trasporto del malato, questa circostanza  ci induce a pensare che l’obiettivo sarà quello di portarlo da Toki e rivivere, tramite questo espediente narrativo, le situazioni che porteranno poi Kenshiro a recarsi a Cassandra e sfidare Uighur per liberarlo.

Sempre a detta degli sviluppatori, infatti, il mondo esterno a Eden rappresenterà una grossa differenza rispetto alle classiche meccaniche della serie Yakuza. La superficie esplorabile, tra città e deserto, sarà enorme e l’esperienza di gioco, sempre dipendentemente dallo stile del singolo giocatore, sarà comunque più lunga dei precedenti titoli. Il deserto sarà infatti pieno di “punti di interesse” e di sorprese. Questo in pratica significa che oltre a Cassandra, l’avventura dovrebbe portare Kenshiro anche alla piramide di Souther (forse per liberare Xana?) e in altri luoghi “storici” della saga originale.

Sempre all’esterno delle mura sarà possibile trovare reliquie della civiltà pre-olocausto, tra cui, udite udite, alcuni videogames classici della SEGA, incluso il primo Hokuto No Ken per Mark III (da noi Master System).

Nel deserto c’è anche un vecchio campo da baseball abbandonato in cui, con una trave d’acciaio ben salda in mano, si dovranno effettuare dei fuoricampo tirandola direttamente nelle gengive dei predoni che cercheranno di investirci! Un minigioco completamente fuori di testa ma, allo stesso tempo, del tutto in linea con il tipo di umorismo della serie originale!

 

Altri minigiochi sono presenti all’interno di Eden, come quello, molto discusso, del “Kenshiro Barista”, che ha fatto storcere il naso a tutti quei fan di Hokuto che non hanno capito che si tratta di una citazione dalla serie Yakuza. In tale modalità, oltre a shakerare i cocktails, il nostro guerriero del bancone si farà carico dei problemi dei clienti, cercando di risolverli.

Ma la vita notturna di Eden non è fatta solo di bevute. In un altro minigioco, Kenshiro sarà infatti chiamato a fare da buttafuori in un Night Club, tenendo al sicuro le ragazze dagli avventori più cafoni (o semplicemente più ubriachi). Avrà a disposizione diverse opzioni, dalle più gentili (tipo chiedere semplicemente di andar via o scusarsi) alle più vigorose (tipo…. Ganzan Ryozan Ha!!).

Comunque, se vi sentite più filantropi, nessun problema: Kenshiro è pronto anche ad infilarsi un camice bianco e curare i pazienti in un ambulatorio grazie alla manipolazione dei punti segreti. Un minigioco ritmico che, in qualche modo, riprende il minigioco del karaoke della serie Yakuza. Ma attenzione! Tra i pazienti sembra che ci saranno dei delinquenti che non meritano di essere trattati con i guanti.

 

Ma parliamo finalmente dell’intervista agli sviluppatori di Yakuza Studio, dalla quale sono emersi molti altri dettagli. Innanzitutto l’idea di base, fondere il mondo di Hokuto con le meccaniche di Yakuza, non è venuta pensando di voler riscrivere un mito ma, piuttosto, riflettendo sui tanti punti di contatto fra le due serie, entrambe caratterizzate da forti sentimenti e faide famigliari. Di lì la collaborazione con il maestro Tetsuo Hara, che ha personalmente supervisionato la creazione non solo dei personaggi, ma anche della stessa città di Eden. Il luogo, che rappresenta il centro nevralgico delle vicende che si svilupperanno nel gioco, è stato infatti studiato con cura, tenendo a mente l’ambientazione post-atomica della serie originale e tutto ciò che ne consegue. Sostanzialmente, la città è il risultato di un’opera di ricostruzione fatta mediante il recupero delle vestigia del mondo precedente. Al suo interno non vi saranno quindi grattacieli diroccati, zone lasciate all’abbandono o carcasse di veicoli arrugginiti, perché tutto è pensato per essere funzionale alla vita della comunità che vi risiede. All’esterno, tuttavia, rimane quel mondo in rovina che tutti conosciamo e che non mancherà di fornire la giusta sfida al guerriero di Hokuto.

Anche il sistema di combattimento (giustamente, aggiungerei) sarà più tecnico rispetto al classico Yakuza. Come molti avranno capito dal video di gameplay che abbiamo postato sulla nostra pagina facebook qualche giorno fa,  Kenshiro potrà avere 2 livelli di “Burst Mode”, entrambi attivabili con la pressione del tasto R2 del joypad. Il primo sarà caratterizzato dallo sprigionarsi di un’aura azzurra ed il secondo da un’aura rossa. Questo gli permetterà, per un limitato periodo di tempo, di strapparsi il giubbotto e scatenare appieno la furia dei suoi colpi sugli avversari. Da notare che, similmente alla serie Yakuza, normalmente Kenshiro NON può saltare. Questo magari risveglierà in molti lettori amari ricordi legati a Ken’s Rage 2, in cui il salto venne soppresso in favore di combo ancor più ripetitive di quelle del primo capitolo, ma la differenza è che, in Hokuto Ga Gotoku, Kenshiro potrà saltare liberamente durante il Burst Mode ed effettuare anche mosse speciali legate al salto. A tali meccaniche si aggiungono le “Heat Action”,  ovvero dei QTE attivabili dopo aver aperto la difesa avversaria e che risulteranno spesso in colpi fatali. Ovviamente non tutti gli avversari hanno la stessa forza e Kenshiro, per poterli affrontare, dovrà migliorarsi con l’esperienza, potenziandosi ed acquisendo nuove tecniche letali. Bella l’idea, tra parentesi, di rendere disponibile l’Hokuto Hyakuretsuken fin da subito non come parte di una combo o come mossa speciale, ma come colpo con cui sbizzarrirsi premendo ripetutamente i tasti.

Relativamente al discorso del combattimento si è accennato anche al livello di violenza delle scene, per le quali gli sviluppatori stanno cercando di tenersi entro il rating CERO D, ovvero quello dei giochi destinati ad un pubblico dai 17 anni in su (stesso rating ottenuto, a suo tempo, dai due capitoli di Ken’s Rage di Koei), ma sarà prevista comunque un’opzione per la censura del sangue. Per quello che concerne invece le preoccupazioni dei fan circa la fedeltà all’opera originale, gli intervistati hanno voluto rassicurare tutti sul fatto che il gioco, benché presenti una storia totalmente inedita, rispetterà fermamente lo spirito di Hokuto No Ken. I personaggi noti al pubblico come Raoh, Toki, Rei e tutto il resto del cast, saranno gli stessi di sempre, con lo stesso carattere e le stesse motivazioni, solo calati in un contesto differente. E quel 10% di personaggi del tutto inediti, sarà perfettamente integrato con loro. Una breve parentesi è stata fatta anche sul sistema di commercio che, coerentemente con l’epoca in cui i personaggi vivono, sarà il baratto, mentre la moneta corrente pare che sarà l’acqua!

Passiamo infine ai dettagli che sono stati rivelati, sempre sul sito ufficiale, riguardo alla trama. Avevamo già detto che Kenshiro giungerà a Eden alla ricerca dell’amata Julia. Tuttavia, alle porte della città, avrà modo di scontrarsi con degli uomini e questo lo metterà in cattiva luce agli occhi di Juggle, il capo della milizia di Eden, che lo farà arrestare e lo sbatterà in prigione.

Ken deciderà però di evadere, trasformandosi ben presto in un latitante. A fermarlo sarà Xana che, senza rivelarsi apertamente come capo della comunità, cercherà di dissuaderlo dal continuare a fuggire e nascondersi. Per essere di nuovo libero, gli dirà, dovrà tornare in cella e guadagnarsi la vittoria negli scontri al Colosseo.

Kenshiro accetterà ed affronterà tutti gli avversari che gli si pareranno davanti nell’arena, fino ad arrivare allo scontro finale con il gigantesco Devil Rebirth, riuscendo con la sua forza non solo a sconfiggerlo, ma a guadagnarsi l’ammirazione dello stesso Juggle, che lo libererà. Da questo momento in poi sarà ospite di Eden e potrà finalmente iniziare la ricerca del suo amore perduto…

Per ora è tutto, ma ricordate che le news su Hokuto Ga Gotoku non sono di certo finite qui. Restate allora sintonizzati sulle frequenze di 199X se volete continuare a saperne di più 😉

Un grosso ringraziamento va a MusashiMiyamoto

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8fT