Ken il guerriero e gli errori del doppiaggio storico (quarta puntata)


Continua la disamina del “favoloso” doppiaggio italiano storico di Ken il guerriero! Stavolta ci troviamo di fronte ad un episodio che parte tutto sommato con pochi intoppi per poi rivelarsi in tutta la sua magnifica grandezza nella parte finale. Curiosi? Beh, non avete che da tuffarvi nella lettura ;)


EPISODIO 4
“IL GIGANTE

ブラッディクロスを撃て!! 秘拳・柔破斬
(Colpire la Croce di Sangue!! Tecnica segreta Jū Ha Zan)

004-176

Dati tecnici

  • Prima TV (J): 1 novembre 1984
  • Supervisione artistica: Atsutoshi Umezawa
  • Sceneggiatura: Hiroshi Toda
  • Sakkan: Shizuo Kawai
  • Fondali: Kenji Matsumoto
Sinossi

Chi si trova al vertice dell’organizzazione chiamata KING, il cui vessillo è la Croce di Sangue? Mentre cerca di capirlo, Kenshiro decide di liberare dei poveri innocenti dalle grinfie di questo gruppo criminale, ma come potrà  sconfiggere un avversario del quale non riesce a raggiungere i punti segreti di pressione? La Divina Scuola di Hokuto è davvero invincibile?


Verso l’inizio, abbiamo Lin che, nonostante la giovane età, mostra già segni di demenza senile. Difatti, rievocando gli avvenimenti accaduti nel secondo episodio, dice:

“Se mi nascondo su qualche mezzo che va’ piuttosto lontano forse riuscirò a trovare Ken… Non credi anche tu Pel? Andiamo!”

002-177

Peccato che nel suddetto episodio, sempre nell’edizione italiana, avesse detto invece:

” Potrei fare molta strada con questo e magari raggiungere Ken in un posto dove ci sarebbe da mangiare anche per te amico. Vieni!”

Cioè, non c’azzecca niente! :D

Ora, lasciando per un attimo perdere quale sia la versione che più si avvicina alla frase originale, perché accadeva ciò? Beh, sono andato a chiederlo direttamente ad Alessio Cigliano, voce storica di Kenshiro (che ringrazio sempre tantissimo per la disponibilità)…

dialoghi

Insomma, quel “nessuno coordinava i dialoghi” credo sia abbastanza eloquente. Che poi, a pensarci bene, non riesco neanche a capire come dovrei prenderla questa notizia, cioé se sentirmi sollevato, perché tante cose iniziano finalmente a trovare una miglior spiegazione, o se restare basito, continuando a chiedermi “perché?” in una specie di loop spazio-temporale mentale tra il 1987 ed il 2015.

Ma andiamo avanti, nello specifico fino al punto in cui entra in scena il vero protagonista…

004-023

HEART, panzone dall’aria affabile (per gli amici Giuvànn lu Ciapalòn), che con gioviale premura difende un povero barista dall’irruenza dei propri sottoposti. Ricordate? Lo avevamo visto alla fine dello scorso episodio. Shin lo aveva convocato per affidargli l’incarico di liberarlo una volta per tutte dall’invadente presenza di Kenshiro. E a guardarlo uno pensa “ma dai, c’ha la faccia troppo da buono, guardalo lì che pacioccone”.

Solo che Giovanni…

004-025

… quando vede scorrere anche solo poche gocce del proprio sangue…

004-026

… viene preso un attimo dal demonio …

004-027

… e allora non ce n’è più per nessuno!

dvd_snapshot_03.40_[2015.03.27_22.30.14]

Giovanni è talmente accecato dalla furia che i suoi stessi scagnozzi rischiano la vita, ritrovandosi quindi costretti a cercare di fermarlo lanciandogli addosso delle mazze chiodate. E, fin qui, nulla di strano, se non fosse che uno di loro dice:

“Guardate! Le viti affondano nel suo corpo!”

004-036

Cioé, perché “viti”? “Mazze” era troppo difficile? Boh…

Ma siccome Giovanni è un tipo che comincia presto e finisce presto (e di solito non pulisce il water), respinge le “viti” al mittente grazie al suo corpo elastico e trasforma il bar in uno scenario molto più simile a quello di una serata di un certo calibro al Pop Off di Cepagatti.

dvd_snapshot_04.46_[2015.03.27_22.53.51]
“PARTY HARD”

Nel frattempo, Kenshiro e i due mocciosi si sono recati nel luogo in cui sono rinchiusi gli altri schiavi con cui Lin è arrivata.

004-042

Il piano è semplice: entrare dentro e spaccare culi come in un livello di Final Fight. Vabbé, sì, anche liberare tutti quei poveri pezzenti, è chiaro, ma non senza una catartica dose di mazzate a prezzo stracciato, che sono già 5 minuti che è iniziato lo show e ancora non s’è visto esplodere niente. Poi gli sponsor si lamentano…

004-043

E mentre Bart fischietta un accenno della Marcia Imperiale di Guerre Stellari…

004-045

… Kenshiro decide di fare un’entrata scenica delle sue…

004-049

GETTANDO I SASSI DAL CAVALCAVIA!!

004-053
“Santoro c’aveva ragione, porca miseria!!”

Richiamata così l’attenzione delle sentinelle, ora tutte comodamente radunate nello stesso posto, il nostro eroe può finalmente uscire allo scoperto…

004-057

… e dedicarsi a spappolare avversari come se non ci fosse un domani. E allora via di tecnica segreta! Infatti, Ken ne utilizza subito una adatta per l’occasione, il cui nome esce come al solito in sovrimpressione.

004-065

“L’Effetto dei colpi di Kenshiro”

E… no, la traduzione non è quella, bensì Hokuto Shihoo Zan (北斗四方斬 - Hokuto: Uccisione in 4 direzioni). Ad ogni modo, i fuochi d’artificio ci sono lo stesso, tranquilli.

004-066

Parecchie mazzate più tardi, Bart spiega ai prigionieri appena liberati tutta la tiritera sul fatto che normalmente gli umani usano solo il 30% delle loro potenzialità. Poi prosegue dicendo:

“… quindi esercitatevi per utilizzare il restante 70%..”

004-082

Eccerto, come no. Tutti a fare l’abbonamento mensile a Tana delle Tigri.

In realtà dice: “… la Divina Scuola di Hokuto è capace di sfruttare anche il restante 70%”

Ma andiamo a vedere che cosa succede dalle parti di Shin, che ha appena finito di rimediare il suo due di picche quotidiano da Julia,  quando riceve visite…

004-104

“Sei tu, Jolly?”

Il Jolly in questione sarebbe questo tizio qui, che in realtà è conosciuto come Joker in Giappone e  ‘Ndonie La Passatéll a Francavilla al Mare, ovvero uno dei primi personaggi di un certo rilievo assenti nel manga originale ed esclusivi dell’anime.

004-106

Doppiato anch’egli da Alessio Cigliano (Oh, che il trucco della voce nasale all’epoca era alta scuola, che ne capite voi…), anche se dal fermo immagine potrebbe sembrare sia lì ad invitare Shin a un “pette a pette” a base di vino e gassosa, è invece venuto a  riferire che Kenshiro ha liberato gli schiavi e ora stanno tutti facendo un’allegra scampagnata nel deserto. Il capoccia non si scompone e lo manda a fa…. re da supporto a Giovanni, che è già sulle tracce del nemico.

004-122

Difatti, il gruppo di fuggiaschi viene presto raggiunto e Kenshiro si ritrova a fronteggiare di nuovo un gran numero di soldati, ai quali però rivolge un invito…

“Lasciate che vi dia un cosiglio… Prendete i vostri MEZZI MECCANICI e tornate a casa”

Ma come cavolo parla? A parte il fatto che non viene menzionato nessun veicolo nel dialogo originale, ma che termine è “mezzi meccanici”? Mah…

Comunque sia, gli avversari non capiscono l’antifona e si lanciano tutti addosso a Ken, ritrovandosi in pochi secondi a fare da concime. Intanto Bart si è occupato di condurre al riparo la gente innocente, facendola arrampicare fino in cima ad una collinetta rocciosa.

004-130

“Siamo liberi!”

Ma il comitato di benvenuto, non è propriamente d’accordo…

“Insegnategli a non raccontare frottole”

004-131

… sembra ordinare Giovanni ai suoi sottoposti, mentre in realtà, nel dialogo originale giapponese, dice: “Dategli ciò che si meritano”. Cosa che i soldati non si lasciano ripetere due volte, mettendo a frutto tutta la pratica che hanno fatto con il lancio delle mazze chiodate.

004-133

(Turisti fai da te? No KING tour? Ahi, ahi, ahi, ahi, ahi…)

Quando ormai non restano altro che cadaveri e anche Bart e Lin stanno per rimanerci secchi, Kenshiro si decide ad entrare in scena, facendo il figo come al suo solito e incazzandosi di brutto:

“E adesso disintegratevi!”

004-154

Anche stavolta la frase detta da Ken sostituisce il nome originale della tecnica (che, come di consueto, potete vedere scritto in ideogrammi direttamente nell’immagine), ovvero l’Hokuto Hyappoo Zan (北斗百方斬 – Hokuto: Uccisione in 100 direzioni), simile a quella usata nella prima parte dell’episodio ma che chiaramente sembra avere effetto su un maggior numero di avversari.

Arriva quindi il turno di Giovanni che, ostentando sicumera, invita Kenshiro a colpirlo per primo. Ken, sempre sveglissimo, non pensa neanche per un attimo che dietro tale invito ci possa essere un qualche tranello e quindi…

004-162

… affonda tutto l’avambraccio nel panzone e rimane bloccato, costretto a sorbirsi per prima cosa uno spiegone sulle proprietà elastiche del corpo del nemico, capace di vanificare anche i colpi più duri. E poi conclude:

“Stando così le cose, l’abilità che hai dimostrato con il karaté non mi fa per niente paura, ragazzo…”

Certo, il karaté… come no. Chiaramente il dialogo è piuttosto diverso e, in buona sostanza, recita: “Quindi non potrai mai raggiungere i miei punti di pressione…”

In ogni caso, Ken si becca un vangatone che la metà basta.

004-164

“Mamma mia come stò”

E, mentre è a terra semi-tramortito, Giovanni infierisce:

“Vedi, esiste soltanto una persona che possa sconfiggermi con il karaté, ed è Sua Maestà. Solo lui.”

Aridaje co’ stò karaté!

La frase originale, ci fosse il bisogno di dirlo, è praticamente la stessa che il personaggio dice nel manga originale: “L’unica tecnica in grado di sconfiggermi è quella di King: la Sacra Scuola di Nanto” (In questo caso, King ovviamente inteso nella persona di Shin e non come nome dell’organizzazione). Ci sarebbe già da mettersi le mani nei capelli, ma il peggio arriva quando parte l’ulteriore spiegone della voce narrante…

“Nell’universo esistono la stella del Nord e la stella del Sud. Tutto quanto è duale: uomini e donne, oscurità e chiarore… nel karaté succede la stessa cosa…”

004-167

“… esistono il karaté della stella del Nord…”

004-168

“… e il karaté della stella del Sud

004-169

Sono senza parole, davvero… m’hanno rovinato una scena che è la chiave di lettura fondamentale della serie. Di seguito la traduzione esatta:

“Due costellazioni dominano il firmamento: Hokuto e Nanto. E come nell’universo ogni cosa ha il suo opposto – uomo e donna, oscurità e luce, le statue dei numi tutelari A e Un – così nelle arti marziali assassine esistono la tecnica di Hokuto e la tecnica di Nanto.”


Aggiungo qualche nota in più per chi ancora non conoscesse bene alcuni dettagli. Le costellazioni di Hokuto (北斗Mestolo del Nord) e di Nanto (南斗Mestolo del Sud) sono tipiche dell’astronomia orientale e corrispondono rispettivamente al Grande Carro dell’Orsa Maggiore e ad un gruppo di sei stelle all’interno della costellazione del Sagittario. Entrambe hanno una forma molto simile e, per questo, sono considerate in opposizione.  Le statue dei Niō (仁王 – Numi Tutelari) sono invece ricorrenti nella serie e rappresentano la vita e la morte, il principio e la fine.  A (阿), posta a destra, è caratterizzata dalla bocca aperta, mentre Un (吽), posta a sinistra, ha la bocca chiusa (O almeno dovrebbe, perché riguardando la scena pare che sia stato fatto un po’ di casino, tanto che anche Un sembra avere la bocca aperta).


Kenshiro finalmente si rialza, forte di una nuova consapevolezza:

“Il karaté di Sua Maestà… non può essere che lui”

004-170

BASTAAAAAA !! Dice “Sacra Scuola di Nanto” !! Daaaaiiii !!

Ma siccome non è abbastanza, a Kenshiro fanno dire ancora:

“La mia abilità non conosce avversari!”

… quando invece nell’originale dice la mitica frase “La Divina Scuola di Hokuto è invincibile!”

A questo punto, pure Antonio (che è arrivato tardi perché la sua “naturale regolarità intestinale” lo ha sorpreso lungo la strada) si unisce alla festa, cercando di imitare la banda Occhi di Gatto e lanciando una carta all’indirizzo di Giovanni

004-172

(Notare la finezza nella scelta della carta)

… provocandogli giusto un taglietto sulla guancia.

004-173

Allora Giovanni si controlla un attimo ed esclama:

IL DITO! MI STA SANGUINANDO!”

004-174

Certo, come no! Altro che dito, mi sa che sta puntata l’hanno doppiata “a braccio”…

Comunque, Kenshiro stavolta si apre un varco a suon di calcioni nella panza del nemico e infine vibra il colpo di grazia:

“Colpo della Stella del Nord”

004-180

Vabbé, ci rinuncio…

Originale: Hokuto Jūhazan (北斗柔破斬 – Taglio Distruttivo della Materia Flessibile di Hokuto).

Sorvoliamo infine sul “Fra un po’ sarai un uomo morto” messo al posto di “Tu sei già morto” e godiamoci l’esplosione di Giovanni, che in qualche modo è quasi liberatoria.

004-183

“Hideeebuu!!”

Come al solito, se l’articolo vi è piaciuto, condividetelo e fatemi sapere i vostri pareri. Se non v’è piaciuto o avete dei dubbi, commentate lo stesso, così ne discutiamo ;)

Alla prossima puntata!


Ringraziamenti

P.S.: nell’analizzare gli errori del doppiaggio storico ho ritenuto di dover segnalare solo ed esclusivamente quelli più eclatanti e/o ridicoli, perché diversamente sarebbe toccato fare una trascrizione ed un adattamento completi dal giapponese dell’intero episodio, cosa che avrebbe richiesto una mole di lavoro eccessiva.

Planet Manga e la collana “Ken la Leggenda” – Facciamo un po’ d’ordine


hokuto no ken manga gaiden

Siccome, tanto nei messaggi privati quanto nelle interazioni pubbliche, ho notato un certo grado di confusione riguardo alla pubblicazione in Italia dei diversi spin-off dedicati ad Hokuto No Ken, ho pensato di dedicare un post a chiarire, si spera una volta per tutte, la situazione riguardo a tali opere, tanto in Giappone quanto da noi. Ma andiamo con ordine…

Gaiden Manga

Dal 2006 al 2010 diversi mangaka sono stati convocati alla corte di Hara e Buronson con l’intento di ampliare le produzioni cartacee legate all’universo di Hokuto. Il risultato sono i cosiddetti “Gaiden Manga”, ovvero una serie di opere che si prefiggono di approfondire (e spesso rileggere), le storie parallele di alcuni dei personaggi più amati dal pubblico. Di seguito, l’elenco.
(Cliccate sulle icone o sui titoli per leggere le schede complete)

Serie in volume

Originariamente pubblicate su rivista, tutte le seguenti serie sono state poi raccolte in volume. Queste sono le uniche ad essere state pubblicate in Italia da Planet Manga all’interno della collana “Ken la Leggenda”.

raohRAOH IL CONQUISTATORE DEL CIELO
“ラオウ外伝 – 天の覇王 – Raoh Gaiden – Ten No Haoh”
(La storia parallela di Raoh – Il Dominatore del Cielo)
di Yuko Osada
5 VOLUMI

yuriaYURIA LA STELLA DELL’AMORE MATERNO
“ユリア外伝 – 慈母の星 – Yuria Gaiden – Jibo No Hoshi”
(La storia parallela di Julia – La Stella dell’Amore Materno)
di Akimi Kasai
VOLUME UNICO

reiREI L’OSCURO LUPO BLU
“レイ外伝 – 蒼黒の餓狼 – Rei Gaiden – Sōkoku No Garō ”
(La storia parallela di Rei – Il Feroce Lupo Blu Notte)
di Yasuyuki Nekoi
6 VOLUMI

tokiTOKI IL SANTO D’ARGENTO
“トキ外伝 – 銀の聖者 – Toki Gaiden – Shirogane No Seija ”
(La storia parallela di Toki – Il Santo D’Argento)
di Yuka Nagate
6 VOLUMI

jagiJAGI IL FIORE MALVAGIO
“ジャギ外伝 – 極悪ノ華 – Jagi Gaiden – Gokuaku No Hana ”
(La storia parallela di Jagi – Il Fiore del Male)
di Shinichi Hiromoto
2 VOLUMI

juzaJUZA LA NUVOLA VAGABONDA
“ジュウザ外伝 – 彷徨の雲 – Jūza Gaiden – Hōkō no Kumo ”
(La storia parallela di Juza – La Nuvola Errante)
di Missile Kakurai
2 VOLUMI


Se avete letto per intero la collana Ken la Leggenda, siete invitati ad esprimere il vostro giudizio nel sondaggio sul nostro forum ;)


Episodi speciali

Oltre alle serie, in Giappone sono stati pubblicati un certo numero di episodi manga “extra”, che perlopiù sono rimasti confinati fra le pagine del defunto settimanale Comic Bunch. Essi sono:

  • RYUKEN GAIDEN – THE JUDGEMENT DAY  di Shinichi Hiromoto
    One shot manga in seguito raccolto in appendice al secondo volume di Jagi il fiore malvagio.
  • REI GAIDEN – KAREINARU FUKUSHUSHA di Yasuyuki Nekoi
    2 episodi che fanno rispettivamente da pilota e da epilogo della serie Rei l’oscuro lupo blu ma che, inspiegabilmente, non sono mai stati raccolti in volume, tanto in patria quanto da noi.
  • RAOH GAIDEN – TEN NO HAOH – EPISODIO EXTRA di Yuko Osada
    Un episodio speciale, con protagonista Sakuya, creato per promuovere la messa in onda dell’anime televisivo di 13 episodi tratto dal manga. Mai raccolto in volume, sia in Giappone che in Italia,  se ne parla più approfonditamente nella scheda di Raoh il conquistatore del Cielo.
  • JAGI GAIDEN – CAPITOLO BONUS di Shinichi Hiromoto
    Brevissimo capitolo, mai raccolto in volume, che trovate tradotto in italiano all’interno della scheda di Jagi il fiore malvagio.

Spin-off recenti

In occasione del trentennale di Hokuto No Ken, tra la fine del 2012 e i primi mesi del 2014 sono stati pubblicati, sul mensile Comic Zenon, ulteriori spin-off. Di qualità abbastanza infima, non li vedremo in Italia (e per fortuna, aggiungerei). Cliccate sui titoli o sulle icone per saperne di più.

heartHOKUTO NO KEN GEDO-DEN - HEART OF MEET – ANO HI NO YAKUSOKU
“北斗の拳外道伝 HEART of Meet あの日の約束”
(Hokuto No Ken – La storia dei fuorilegge
HEART of Meet – La promessa di quel giorno)
di Takeshi Kawada, Yukito e Yukito Imoto
EPISODIO SPECIALE

garudaKIN’YOKU NO GARUDA – NANTO GOSHASEI ZENSHI
“金翼のガルダ~南斗五車星前史~”
(Garuda dalle ali d’oro – Prima dei Nanto Goshasei)
di Yōshiji Yamaguchi
VOLUME UNICO

souther gaiden iconSOUTHER GAIDEN – NANTO OF MEET – ITSUTSU NO HOSHI GA DEAISHI TOKI
“サウザーGAI伝 南斗 of Meet 〜五つの星が出会いし刻〜”
(La Storia Parallela di Souther – Nanto of Meet – L’incontro di cinque stelle)
di Takeshi Kawada e Yukito
EPISODIO SPECIALE

In conclusione…

Spero che lo schemino sia chiaro e serva a fugare ogni dubbio e, nel caso ci siano altre domande, potete sempre porle nei commenti. Ci tengo comunque a ribadire che, alla fin fine, ci è andata bene, perché se i Gaiden presentati nella collana “Ken la Leggenda” avevano alti e bassi, gli spin-off più recenti sono davvero materiale alquanto dimenticabile che, anche quando non è intento a svilire l’opera originale, non aggiunge comunque nulla di davvero significativo al mosaico generale.

Tsume Art – Prenotabile la High Quality Statue di Raoh


raoh_HQS-01

Se ne era parlato lo scorso settembre ed ora, sempre dal sito Itakon.it, veniamo a sapere che la High Quality Statue realizzata da Tsume e denominata Raoh – King of Hokuto, è finalmente prenotabile direttamente dal sito del produttore. In scala 1/6, la statua ha un’altezza ed una larghezza di 50 cm, un diametro di 26 cm ed un peso di ben 11 kg! Prodotta in edizione limitata di soli 1000 esemplari, viene venduta al prezzo di 499 euro.

GALLERY

JUZA LA NUVOLA VAGABONDA Vol.2 – Recensione


juza 2Dopo 22 uscite, ci saluta la collana KEN LA LEGGENDA di Planet Manga, e lo fa con il volume conclusivo di JUZA LA NUVOLA VAGABONDA, che questo mese ci mostra ancora dei lati inediti della vita del protagonista e ci accompagna fino al suo ultimo combattimento.  Già la volta scorsa avevamo visto come il tentativo dell’autrice, Missile Kakurai, di “afferrare la nuvola”, non sembri tra i più riusciti, mostrando il fianco ad evidenti lacune sia nella conoscenza generale dell’opera originale che dello stesso protagonista. Quindi non ci resta che vedere se, in questa seconda raccolta di episodi, abbia infine corretto il tiro, documentandosi un po’ meglio e fornendoci finalmente qualcosa di davvero interessante da leggere. Le premesse ci sono, visto che fanno la loro comparsa diversi personaggi noti del manga originale, ora non ci resta che vedere com’è andata.
Buona lettura! ;)

Continua a leggere

SILENT MANGA AUDITION – Intervista a Tetsuo Hara


silent manga hara interview

Mentre mancano ormai pochi giorni allo scadere dei termini di consegna per la terza edizione del SILENT MANGA AUDITION, iniziativa che seguo con molto interesse fin dal principio, ho deciso di tradurre la seguente intervista, pubblicata sul sito ufficiale del concorso e rivolta principalmente a tutti coloro che aspirano a diventare dei mangaka professionisti. Tetsuo Hara, papà di Ken il guerriero e uno dei principali promotori dell’iniziativa (nonché membro della giuria), sale quindi in cattedra e lancia il suo messaggio a chiunque voglia intraprendere questa strada. Buona lettura! ;)

Continua a leggere

La Leggenda di Oda Saburo Nobunaga vol.1 – Recensione e intervista a Tetsuo Hara


oda nobunaga featured 2

Dopo una lunga attesa, finalmente è disponibile il primo volume de La Leggenda di Oda Saburo Nobunaga, l’ultimo capolavoro di Tetsuo Hara. La recensione, accompagnata da un’interessante intervista al maestro, la trovate CLICCANDO QUI.

Dossier – La carriera di Junichi Hayama (terza parte)


Kenshiro 5

Con questo terzo appuntamento, riprende il viaggio nella carriera del maestro Junichi Hayama, un approfondimento che mira a ripercorrere le diverse tappe della vita lavorativa di questo magnifico artista dell’animazione giapponese, celebre non solo per averci regalato alcune delle più belle animazioni ed illustrazioni del mondo di Hokuto ma anche per tanto altro. Buona lettura! ;)

Continua a leggere