Ken il guerriero e gli errori del doppiaggio storico (quinta puntata)


Di nuovo insieme per un altro tuffo nel mare delle castronerie del doppiaggio italiano storico di Ken il guerriero. Questa volta devo ammettere che mi è stato difficile mantenere l’equilibrio nel decidere cosa fosse veramente da segnalare e cosa si potesse tralasciare, perché si tratta di un episodio così ricco di passaggi travisati da mettermi quasi in crisi.  :D
Spero comunque che il risultato sia di vostro gradimento e vi auguro buona lettura! ;)


EPISODIO 5
“RITORNO DALL’INFERNO

地獄に咲くか愛の炎・おまえはもう死んでいる!!
(Anche nell’inferno può sbocciare un amore ardente – Sei già morto!!)

005-076

Dati tecnici

  • Prima TV (J): 8 novembre 1984
  • Supervisione artistica: Masahisa Ishida
  • Sceneggiatura: Hiroshi Toda
  • Sakkan: Yoshiharu Fukushima
  • Fondali: Kue Oomiya
Sinossi

Kenshiro ha finalmente compreso che l’uomo al vertice di KING altri non è che Shin, maestro della Sacra Scuola di Nanto, colui che con la violenza lo ha separato da Julia, tentando di recidere quell’amore ardente che, come un fiore di montagna, è sbocciato sfidando le avversità di un’epoca senza legge. Che sia finalmente giunta l’ora della resa dei conti?


Kenshiro si trova su un promontorio ad osservare il quartier generale di KING, al cui vertice è ormai chiaro che c’é Shin, il Ramazzotti biondo che fa impazzire il mondo, l’uomo che con la forza gli ha sottratto l’amata Julia. Ricordando tutto questo, egli rivede i loro volti e sente le loro voci, in particolare quella nasale del guerriero di Nanto…

“Ahahahahahah! Ken, mi dispiace, ma sono io il migliore di tutti! Sarà un gioco batterti! Ahahahahahah!”

005-008

Manco a dirlo, tolte le risate, il resto è pura invenzione. Nell’originale, infatti, Shin dice:
“Kenshiro, non puoi competere con la Sacra Scuola di Nanto! Julia sarà mia!”

Questo giusto per farvi capire che, anche in questa puntata, non sentirete nominare neanche per sbaglio Nanto e Hokuto, quindi mettetevi il cuore in pace già da ora :D

Poco dopo, sempre Shin confida a Julia che l’indomani partiranno verso nuovi lidi. Giustamente, Julia chiede: “E dove andremo?”

“Alla STELLA DEL SUD

stella del sud

Ma sì dai, un po’ di vacanze ci vogliono. Cioé, volete mettere lo stress di guidare un esercito di  fenomeni da baraccone, prendersi quotidianamente il due di picche da Julia e, nel frattempo, mantenere i capelli lisci e perfetti ogni giorno? Che, oh, almeno in vacanza quella cacchio di arpa rimane a casa e si ascolta musica migliore. Poi una cenetta, un vinello buono e chissà che non è la volta buona che si chiava.  (Adesso, a parte gli scherzi, non serve certo spiegare che in realtà sarebbe Southern Cross, la Croce del Sud, vero? Perfetto, andiamo avanti…)

Poco dopo, Kenshiro viene raggiunto da Bart e Lin:

“Una notizia sconvolgente Ken! Sono andati nella città!”

dvd_snapshot_02.51_[2015.04.19_22.19.39]

Ma chi? Cosa? Dove? Come? Quando? Perché?

In realtà, nell’originale giapponese, Bart si riferisce ai poveracci che hanno liberato nell’episodio precedente, dicendo che li hanno messi al sicuro in una città vicina. – E dove sarebbe la parte “sconvolgente” della notizia? – direte voi. Beh, forse nel fatto che sono resusciati, visto che erano tutti morti ammazzati dagli uomini di Heart! Insomma, per una volta la cappella è più nipponica che nostrana :D

Comunque, i due piccoli spaccabrocche sono desiderosi di accompagnare Ken nella sua battaglia, ma questi gli risponde che no, non devono seguirlo, che quella è una cosa sua personale, ecc… in poche parole gli fa capire che si devono togliere dai coyotes. Via! Raus!
Quindi, rimasto di nuovo da solo, il nostro eroe si reca di fronte alla fortezza del nemico…

“Maledetto, finalmente dopo tanto tempo rivedo la tua bandiera

005-025

Ma se con questa sono già tre puntate che la vedi ovunque!! :D

Nell’originale, infatti, Ken non parla di bandiere, ma dice semplicemente: “Shin! Finalmente ti ho trovato”.

Che poi Ken è un segugio, eh. Una fortezza in bella vista in pieno deserto con tanto di bandierona svettante in cima. Ci mancavano solo le insegne al neon modello Titty Twister

005-027

“PUSSY! PUSSY! PUSSYYYY!”

A questo punto inizia il flashback di Kenshiro che riguarda il rapimento di Julia da parte di Shin.
E possiamo subito dire che il povero Ken non doveva avere molto chiara la distinzione tra la vita e la morte. Perchè? Basta ascoltarlo mentre, dinanzi alla tomba di Ryuken dice:

“Caro Maestro, qui potrai VIVERE in pace”

005-030

Poi, oltretutto, prosegue:

“Non ti preoccupare per noi, ho imparato il karatè …”

005-031

(La leggenda dei sopracciglioni di fine secolo!)

E dai a coppe con ‘sto karaté. Come dicevamo all’inizio, Nanto e Hokuto non si sentono nominare neanche per sbaglio nel doppiaggio di questo episodio, quindi non serve nemmeno che vi scrivo cosa ci andava al posto di karaté, che la scorsa volta già ci siamo fatti un sacco di risate amare su ‘sta cosa. Difatti poi, giusto per rimanere in tema, quando Shin si unisce alla festa, Kenshiro non può non ricordargli che:

“… Abbiamo studiato assieme il karaté e questo dovrebbe unirci per superare le tante difficoltà che incontreremo nel nostro cammino!”

005-052

Quando invece sarebbe: “… Io appartengo ad Hokuto e tu a Nanto ma, pur praticando arti differenti, condividiamo lo stesso tipo di addestramento”.

A rincarare la dose, giunge la voce del defunto maestro dall’oltretomba…

“La fazione della stella del nord e quella della stella del sud non saranno mai nemiche e si rispetteranno vicendevolmente. Entrambe dovranno cooperare per tramandare le antiche tradizioni di questo paese alle generazioni future.”

005-058

Sì, certo, le antiche tradizioni del loro paese, tra le quali ricordiamo la mitica…

… festa del pene di ferro!

kanamara_matsuri_festival_pene

Chiaramente il discorso è un po’ diverso e, tolta la prima parte, dove ormai sapete già che si parla di Hokuto e Nanto, il resto dice che ciò che dev’essere tramandato sono proprio le rispettive arti marziali. Che, col senno di poi, bastava aggiungere “di lotta” dopo tradizioni e la frase avrebbe almeno recuperato un po’ di coerenza.

Finalmente arriviamo alla scena madre di questo episodio: Kenshiro e Shin incrociano i loro colpi in volo e, come accade sempre nella serie TV, i nomi dei rispettivi colpi appaiono sullo schermo, in questo caso Nanto Gokusatsu Ken (南斗獄殺拳 – Colpo Infernale Assassino di Nanto) e Hokuto Hiei Ken (北斗飛衛拳Tecnica Acrobatica Difensiva di Hokuto). Il doppiaggio storico però, decide che qui bisogna metterci un insegnamento morale, bisogna elevare i nobili intenti di questa serie! Allora, la voce del narratore, sbattendosene altamente, recita:

“I prepotenti credono di essere i padroni del mondo,
ma prima o poi soccomberanno”

005-062

Curiosità

Nel manga, la tecnica usata da Shin è chiamata Nanto Gokuto Ken  (南斗獄屠拳 – Colpo Infernale Squartante di Nanto), ma nell’anime le hanno cambiato nome perché l’ideogramma “to” (屠 – Macellazione) in essa contenuto era “censurabile” secondo gli standard previsti dal codice di autoregolamentazione adottato dalle emittenti televisive dell’epoca.

Ora assistiamo alla famosa scena in cui Shin imprime a Kenshiro il suo “marchio di fabbrica”. Davanti ad una spaventatissima Julia, questi dichiara:

“Quella che hai visto è una mossa di karatè della stella del sud, una persona normale non potrebbe mai combattere con un solo dito”

005-071

(Sì Shin, lo avevamo già capito che non sei normale…)

In realtà il dialogo recita all’incirca così: “Questo è un colpo mortale della Sacra Scuola di Nanto. Basta e avanza per uccidere un uomo qualsiasi”.

Ma il meglio deve ancora venire…

“Mi chiedo quante dita dovrò usare prima di farlo fuori”

005-072

AH GENIOOOO!! IL DITO E’ SEMPRE LO STESSOOOOO!!

Facile da intuire, nel doppiaggio originale Shin completa il pensiero precedente, dicendo: “Chissà quanti ancora riuscirà a sopportarne Kenshiro prima di tirare le cuoia”.

Il resto del discorso che segue è un completo delirio in cui vengono clamorosamente travisati i tempi e i significati. Reggetevi forte:

“Tu sei l’unica persona che abbia potuto fermare questo combattimento. E’ bastata una tua parola per fermarmi.”

005-074

… dice Shin rivolto a Julia, come se la ragazza avesse già fermato tutto, mentre invece il suo è proprio un invito a farla parlare prima che Kenshiro ci lasci davvero le penne.

Poi sforacchia di nuovo Ken e aggiunge…

“Questo era per concludere il nostro affettuoso incontro, Julia”

005-075

Macheca… !? Ma concludere cosa? :D

In originale è: “Tuttavia non ti forzerò. Quindi cosa mi dici, Julia?”

Julia, sopraffatta dalla situazione, comincia a cedere alle richieste di Shin pur di salvare la vita al suo amato Kenshiro. Quindi, seppur a malincuore, nell’originale giapponese dice: “Ti… ti amo!”, rivolgendosi chiaramente a Shin, ma nel doppiaggio italiano le fanno dire:

“Ti amo Ken, ti amo tanto!”

Poi, infatti, la scena continua con Julia che, tra le lacrime, finalmente dice le parole che Shin vuole sentire, ovvero che lo ama e che lo seguirà in tutti i luoghi e in tutti i laghi.

005-085

Ma chiudiamo con il lungo flashback e torniamo al presente, che di motivi per piangere ne abbiamo tanti anche noi. Kenshiro è ormai all’interno delle mura della fortezza del suo acerrimo nemico e, con la mente, pensa:

“Shin, adesso sarà la tua fine. Non hai scampo, maledetto vigliacco!”

005-091

Mentre nell’originale pensa la medesima storica frase che ritroveremo poi nel vero scontro finale: “Shin, sono tornato dalle viscere dell’inferno per ucciderti!”

Entrato proprio nel cuore del quartier generale di KING, il nostro lancia un severo monito agli sgherri di Shin:

“Non posso sporcarmi le mani con dei pappamolle come voi, i miei colpi di karatè sono troppo forti”

005-106

Cioé, sembra uno dei bulletti che venivano alle elementari con me….ahahahahahahah

Poi, finalmente parte a sporcarsi ‘ste benedette mani…

005-109

… li mazzìa tutti e la voce fuori campo recita:

“IL SACRO COLPO DELL’ORSA MAGGIORE”

005-113

… mentre i kanji in sovraimpressione in realtà ci ricordano quello che è un altro marchio di fabbrica dell’uomo dalle sette cicatrici: “Hokuto Hyakuretsu Ken (北斗百裂拳 – Cento Pugni Distruttivi di Hokuto)”. Stessa tecnica che ripete poco dopo contro un altro manipolo di crestoni usa e getta, ma stavolta, al posto del nome della tecnica la voce fuori campo recita:

“Attenzione, questo è uno degli esercizi più difficili!”

005-132

Sono d’accordo, star dietro a questo doppiaggio è davvero un esercizio sfibrante!

Alla prossima puntata!


Ringraziamenti

P.S.: nell’analizzare gli errori del doppiaggio storico ho ritenuto di dover segnalare solo ed esclusivamente quelli più eclatanti e/o ridicoli, perché diversamente sarebbe toccato fare una trascrizione ed un adattamento completi dal giapponese dell’intero episodio, cosa che avrebbe richiesto una mole di lavoro eccessiva.

FARFALLA ASSASSINA di Yuka Nagate a Luglio da GOEN


banner

Mentre ancora si attendono notizie sulla data di pubblicazione del secondo volume de La Leggenda di Oda Saburo Nobunaga, GOEN annuncia Farfalla Assassina – Storia di una Ninja (蝶獣戯譚Chouju Gitan), manga realizzato da Yuka Nagate, la stessa bravissima autrice che ci ha regalato Toki il Santo d’Argento, il miglior spin-off di Ken il guerriero.

Giappone, anno 1635. Con la fine della turbolenta epoca Sengoku, il Paese è ora dominato dallo shogunato dei Tokugawa e vive un periodo di pace.  Protagonista della storia è Ko-chu, una kunoichi meglio nota nel suo ambiente come “O-chu” (Farfalla), la spietata e seducente assassina che va a caccia di tutti quei ninja, ormai senza padrone, che infrangono la legge.

Previsto per il mese di luglio, il manga sarà composto da 2 volumi di 192 pagine in bianco e nero, formato 12,2×17,8, al prezzo di € 5,95 ciascuno.

farfalla assassina yuka nagate

Ringrazio Roberto Addari di Mangaforever per la segnalazione.

Hokuto No Ken Illustration ULTIMATE – Il regalo DEFINITIVO


Volume 7a

Prima metà di marzo. Stai uscendo con la spesa dal supermercato, accompagnato dalla tua gentile consorte, quando il telefonino inizia a vibrare e senti distintamente e più volte il suono che hai impostato per i messaggi di WhatsApp. Ma hai le mani occupate. “Ok, metto tutto in macchina e vedo”, pensi, e carichi tutto. Poi ti siedi, prendi in mano il cellulare e controlli. E’ Andrea.

Continua a leggere

Ken il guerriero e gli errori del doppiaggio storico (quarta puntata)


quarta puntata2a

Continua la disamina del “favoloso” doppiaggio italiano storico di Ken il guerriero! Stavolta ci troviamo di fronte ad un episodio che parte tutto sommato con pochi intoppi per poi rivelarsi in tutta la sua magnifica grandezza nella parte finale. Curiosi? Beh, non avete che da tuffarvi nella lettura ;)

Continua a leggere

Planet Manga e la collana “Ken la Leggenda” – Facciamo un po’ d’ordine


hokuto no ken manga gaiden

Siccome, tanto nei messaggi privati quanto nelle interazioni pubbliche, ho notato un certo grado di confusione riguardo alla pubblicazione in Italia dei diversi spin-off dedicati ad Hokuto No Ken, ho pensato di dedicare un post a chiarire, si spera una volta per tutte, la situazione riguardo a tali opere, tanto in Giappone quanto da noi. Ma andiamo con ordine…

Continua a leggere

Tsume Art – Prenotabile la High Quality Statue di Raoh


raoh_HQS-01

Se ne era parlato lo scorso settembre ed ora, sempre dal sito Itakon.it, veniamo a sapere che la High Quality Statue realizzata da Tsume e denominata Raoh – King of Hokuto, è finalmente prenotabile direttamente dal sito del produttore. In scala 1/6, la statua ha un’altezza ed una larghezza di 50 cm, un diametro di 26 cm ed un peso di ben 11 kg! Prodotta in edizione limitata di soli 1000 esemplari, viene venduta al prezzo di 499 euro.

Continua a leggere

JUZA LA NUVOLA VAGABONDA Vol.2 – Recensione


juza 2Dopo 22 uscite, ci saluta la collana KEN LA LEGGENDA di Planet Manga, e lo fa con il volume conclusivo di JUZA LA NUVOLA VAGABONDA, che questo mese ci mostra ancora dei lati inediti della vita del protagonista e ci accompagna fino al suo ultimo combattimento.  Già la volta scorsa avevamo visto come il tentativo dell’autrice, Missile Kakurai, di “afferrare la nuvola”, non sembri tra i più riusciti, mostrando il fianco ad evidenti lacune sia nella conoscenza generale dell’opera originale che dello stesso protagonista. Quindi non ci resta che vedere se, in questa seconda raccolta di episodi, abbia infine corretto il tiro, documentandosi un po’ meglio e fornendoci finalmente qualcosa di davvero interessante da leggere. Le premesse ci sono, visto che fanno la loro comparsa diversi personaggi noti del manga originale, ora non ci resta che vedere com’è andata.
Buona lettura! ;)

Continua a leggere