Un videogame in arrivo nel 2014 per MAD MAX


mad max game

In un sito che parla di Hokuto No Ken, non si può evitare di parlare di Mad Max. Le ragioni sono molteplici: Non solo la saga del giovane Mel Gibson postatomico è stata la principale fonte d’ispirazione per il capolavoro di Bronson e Hara ma, soprattutto per noi che siamo cresciuti negli anni ’80, rappresenta il fulcro di un immaginario collettivo che non ha mai smesso di influenzare i media da più di 3 decenni. In attesa di parlare più estesamente delle relative pellicole, andiamo a gettare uno sguardo al videogame, previsto per il 2014 (su PC, PS3, PS4, Xbox 360 e Xbox One), prodotto da Warner Bros e in lavorazione presso gli Avalanche Studios.

Presentato durante lo scorso E3 con un breve teaser, Mad Max promette di far rivivere tutta l’azione e tutta l’atmosfera postapocalittica dell’omonima serie cinematografica. Nei panni di Max Rockatansky (che, purtroppo nel gioco NON avrà le fattezze di Gibson) daremo la caccia ad una pericolosa banda di predoni che si è appropriata del nostro Interceptor, anelando nel contempo l’evasione dalla nostra folle esistenza cercando le leggendarie Pianure del Silenzio.

Intervistati a proposito del gioco, gli Avalance Studios dichiarano: “MAD MAX è un gioco stand alone, che si distacca dai film, (…) quindi storia e personaggio saranno completamente inediti nel nostro gioco(…) Abbiamo scelto di dare una nostra interpretazione e visione di Max ed è da questo che nasce la scelta di realizzare una nuova storia.”

Non si tratterà quindi di rivisitare la trama dei film ma di dar vita ad un nuovo capitolo della storia di Max. Una scelta forse “poco furba” se si pensa che molti fan accaniti della serie lo comprerebbero solo per il piacere di rivivere le avventure viste in celluloide, ma a mio modesto parere molto più intrigante se, invece, si pensa che in questo modo tanto gli sviluppatori quanto l’utente finale avranno in questo modo meno limiti.

Grande spazio sarà dato ai combattimenti con le automobili, le quali saranno potenziabili in molti modi diversi. Non mancheranno le fasi in cui a contare sarà la potenza di fuoco, le sezioni stealth ed il combattimento corpo a corpo, il tutto in un ambiente open world. Neanche la vera e propria “sopravvivenza” verrà lasciata al caso: pare infatti che il protagonista avrà bisogni di mangiare, bere e riposare in maniera regolare per evitare di indebolirsi.

Insomma, le premesse per un ottimo gioco sembrano esserci tutte, speriamo che il risultato finale sia davvero in grado di farci immergere in maniera convincente in quel mondo distopico e violento, fatto di paesaggi desolati e malinconici, che tanto ci spaventava e tanto ci affascinava quando eravamo ancora soltanto dei bambini.

——————————————————-

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...