REI L’OSCURO LUPO BLU Vol.5 – Recensione


rei-5Penultimo volume per l’edizione italiana di Rei Gaiden, lo spin-off di Hokuto No Ken che vede protagonista l’amatissimo successore della Scuola dell’Uccello D’Acqua di Nanto. Nei precedenti episodi, avevamo visto il guerriero, alla ricerca della sorella Aili, trovarsi coinvolto in una violenta faida fra le mura della città di Asgarzul, scoprendo che dietro gli eventi che si stanno verificando c’è in realtà la mano di Rofu, suo maestro e precedente successore della tecnica.
Incerto sul da farsi dopo tale scoperta, e dopo una fortissima batosta presa per mano del potente Rima, Rei si aggira per le vie di Asgarzul come un lupo ferito, cercando di metabolizzare quanto sta accadendo. Inaspettatamente, però, qualcuno pare finalmente sapere dove si trova Aili. Senza pensarci due volte, Rei si lascia quindi alle spalle Asgarzul e le sue lotte interne, determinato a riabbracciare la sorella scomparsa…

TRAMA

Mentre Frida e le altre donne si apprestano a celebrare la morte della loro cara Eva, riversando sulla giovane Yu le speranze per il futuro della città, Rofu non resta certo a guardare: L’ordine è di attaccarle e catturarle tutte, soffocando nel sangue qualsiasi tentativo di resistenza. Ma le donne non sono delle sprovvedute e, sotto il comando di Frida, hanno già fatto tutti i preparativi necessari per rispondere all’attacco nemico. Ben presto gli uomini si ritrovano infilzati da miriadi di frecce, mentre la stessa Frida si lancia in battaglia falciando avversari fino ad arrivare faccia a faccia con Rofu. Uno scontro inevitabile in cui, a dare man forte alla coraggiosa guerriera, a sorpresa giunge Rima!
In tutto questo, Rei si ritrova a fronteggiare di nuovo Zan (che avevamo visto uscire di scena nel volume 4), che lo ha attirato in trappola sfruttando proprio il suo desiderio di ritrovare Aili. Ed è solo grazie all’intervento di Shu che il protagonista evita la morte. Giusto in tempo per tornare indietro, a cercare di salvare il salvabile…

Che dire di questo volume? Niente. O meglio, niente che non sia già stato detto per i volumi precedenti. Nonostante si tratti di una serie di episodi anche piuttosto accattivanti a livello di combattimenti e azione generale, non è possibile parlarne senza sottolineare che si tratta della fiera del già visto. Tutto quello che accade nel volume, in buona sostanza ricalca fedelmente ciò che Buronson e Hara hanno messo in scena una trentina d’anni or sono negli episodi in cui Rei torna da solo al villaggio di Mamiya e si ritrova a fronteggiare Raoh. Qui sono stati semplicemente cambiati i ruoli. Quindi, la domanda giusta potrebbe essere: questo volume si lascia leggere? Risposta: Sì, egregiamente. L’altra, conseguente a questa, sarebbe: C’è qualcosa che NON sia prevedibile in 176 pagine? Risposta: No, quello che succederà lo capirete già dalla primissima pagina.
Messa così, magari la questione è più chiara (o almeno spero). Togliendo per un attimo il fatto che chi compra Rei Gaiden è, al 99,9% un fan di Hokuto No Ken che lo prenderebbe a prescindere, trovarlo un bel manga o meno è anche e soprattutto una questione di gusti. C’è chi trova addirittura appagante il fan service di questo tipo, mentre a me personalmente sembra un’inutile perdita di tempo, oltre che un’occasione mancata di tirar fuori una storia originale e non banale. Meno male che è rimasto un solo volume e poi, finalmente, arriva Toki Gaiden

 

PROTAGONISTI

BERSERKER BROTHERS (ブラザー・バーサーカー)

bb

In questo volume viene finalmente svelato il passato di Frida, anche lei sottoposta ad esperimenti genetici ed addestrata fin dalla tenera età per divenire un super guerriero. Cresciuta assieme a Rima, che considera come un fratello, nel periodo immediatamente successivo all’olocausto nucleare si è guadagnata con lui l’appellativo di Berserker Brothers mettendo a ferro e fuoco villaggi e città. Una scia di sangue che si è fermata soltanto dopo il loro incontro con Eva…

EDIZIONE ITALIANA

Questo mese non ho rilevato errori gravi o qualcosa che mi abbia fatto storcere almeno un po’ il naso (tanto ci pensa già la trama ad infastidirmi…), mentre la stampa  è sempre di buon livello. Non mi resta che darvi il consueto…

Appuntamento al prossimo mese!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...