TOKI IL SANTO D’ARGENTO Vol.1 – Recensione


toki-1A partire da questo mese, la collana di Planet Manga intitolata KEN LA LEGGENDA inizia ad ospitare TOKI IL SANTO D’ARGENTO, edizione italiana di Toki Gaiden – Shirogane no Seija (La Storia Parallela di Toki – Il Santo D’Argento – トキ外伝 – 銀の聖者), manga pubblicato in Giappone tra il 2007 ed il 2008. Questa volta, come facilmente si evince dal titolo dell’opera, protagonista assoluto delle vicende è Toki, il secondo dei fratelli di Hokuto, nonché il personaggio più rispettato e positivo dell’intero universo dipinto dai maestri Buronson e Hara.
Accompagnati dal sapiente tratto della bravissima Yuka Nagate avremo modo di scoprire, nei prossimi 6 mesi, i retroscena più interessanti della storia di questo guerriero calmo come l’acqua immota che ha deciso di mettere l’arte di Hokuto al servizio di malati e feriti.  Buona lettura!

TRAMA

“Come la fiamma di un lume sale anche se capovolta,
così l’uomo piegato dal destino si rialza per lottare.”

Con questo antico proverbio cinese, che cattura alla perfezione sia la storia che la tenacia del protagonista del racconto, potrei già dire esaurita la descrizione della trama. Perché la storia di Toki la conosciamo bene: guerriero la cui tecnica perfetta era in grado di valergli il rispetto di tutti gli altri candidati alla successione nella Divina Scuola di Hokuto, ma che il fato, sotto forma di una malattia terminale, ha deciso di spezzare.  Tutto quello che gli è capitato e il modo in cui ha reagito, combattendo fino all’ultimo contro il proprio stesso corpo, lo abbiamo visto in gran parte nell’opera originale. Ed è questo ciò che viene raccontato in Toki Gaiden: Partendo dalla sua decisione di mettere le doti curative dell’Hokuto al servizio dei bisognosi, passando per la nascita dello sconfinato odio di Amiba e le continue lotte per proteggere il Villaggio dei Miracoli (tutti eventi che vedremo già da questo primo volume), fino alle macchinazioni che lo hanno portato ad essere rinchiuso a Cassandra e al fatidico duello all’ultimo sangue contro Raoh, il suo stesso fratello carnale, quello che ne esce è un quadro completo e coerente della vita di Toki. Ma attenzione, non fraintendetemi, perché questo manga, da qualsiasi punto di vista lo si guardi, non si limita a narrare dei fatti già noti arricchendo il mosaico con qualche personaggio e qualche bella intuizione a far da tasselli. No, Toki Gaiden è il MEGLIO che ci potesse capitare di leggere sul mondo di Hokuto a tanti anni dalla conclusione dell’opera originale. E’ un vero e proprio monumento, non solo al protagonista, ma allo spirito stesso di Hokuto No Ken e ai suoi creatori. Sia nella storia che nei disegni, capaci di presentare una continua danza tra vita e morte, speranza e disperazione, bellezza e orrore.

E il merito di tutto questo è della mitica Yuka Nagate, con la quale sono riuscito ad entrare in contatto per una piccola intervista in esclusiva!

Una chicchierata con Yuka Nagate

Artista praticamente sconosciuta da noi, ma dotata di un tratto elegante e dalla grande espressività, Yuka Nagate ha accettato di scambiare quattro chicchiere con me in occasione del lancio di TOKI IL SANTO D’ARGENTO in Italia. Un modo per conoscere meglio la talentuosa mangaka che non ha solo il merito di aver realizzato questo meraviglioso spin-off, ma anche diverse altre serie manga di buon successo in patria.

199X: – Salve signorina Nagate, sono uno dei tanti fan di Hokuto No Ken che non hanno potuto fare a meno di apprezzare il magnifico lavoro che ha svolto su Toki Gaiden, che questo mese esordirà ufficialmente nelle edicole e nelle fumetterie del mio paese, l’Italia. Per questo mi piacerebbe rivolgerle qualche domanda.

Y.N.: Grazie mille! Sono veramente felice che il mio manga sia così apprezzato. Cosa ti interessa sapere?

199X:  – Ecco, dato che nel mio paese il suo nome, tristemente, non è ancora noto alla maggioranza dei lettori, sarebbe bello poter ripercorrere in breve almeno i punti salienti della sua carriera…

Y.N.:   Capisco. Però ti avverto, si tratta di una storia lunga!

199X:  – Mi piacciono le storie lunghe🙂

Y.N.:  – Ahahahah, ok! Allora, vediamo un po’…   sono passati ormai quasi vent’anni da quando ho iniziato. Era il 1995 quando, con il breve manga Kyojin, ho vinto il primo premio di un concorso per esordienti sponsorizzato da Kodansha. A quel punto ho dovuto fare un po’ di gavetta come assistente ma, già a partire dall’anno seguente, sempre per lo stesso editore, ho dato vita alla mia prima vera serie, Tenkafubu Nobunaga, che è durata ben due anni, fino al 1998…

Tenkafubu Nobunaga

199X:  – Tra l’altro, mentre mi documentavo un po’, ho scoperto che è stata in America per circa tre anni e mezzo…

Y.N.: – Sì,  nel 2000  ho lavorato a PEAK , un manga la cui trama era affidata allo scrittore Hideo Yokoyama, e in seguito, dal 2003, avendo ricevuto diverse offerte di lavoro da editori americani, mi sono trasferita a New York. E’ stata una bella esperienza ma, alla fine, a causa di problemi contrattuali, le cose non hanno funzionato proprio come dovevano. Sono rientrata in Giappone giusto in tempo per essere reclutata a lavorare su Toki Gaiden

199X: – Ma allora è stato il fato!🙂

Y.N.: – Forse sì, il fato di Hokuto… ahahahah! Uno degli editor di Comic Bunch mi offrì l’opportunità di realizzarlo e io accettai al volo! Non solo perché in quel momento ero praticamente disoccupata, ma anche perché conosco e amo Hokuto No Ken fin da quando ero piccola.

199X: – E direi che si vede! Non solo per lo stile di disegno accurato, che comunque è la norma in tutti i suoi lavori, ma anche per come è sviluppata la trama.

Y.N.:  – Grazie! Sono parole che mi fanno davvero piacere. E scusa per il mio inglese, che a quanto pare sembra essersi arrugginito…

199X: – Beh, neanche io sono proprio una cima in tal senso😀 … comunque, riguardo alla trama di Toki Gaiden, c’è una domanda la cui risposta è di sicuro interesse per i fan: Come si è approcciata a questo manga? Ha ricevuto dagli autori almeno un canovaccio su cui basarsi oppure ha avuto carta bianca?

Y.N.: – I maestri Buronson e Hara mi hanno lasciato totale libertà. Dal canto mio, in un primo momento avrei voluto seguire la sceneggiatura, scritta dal signor Horie, dell’OAV Toki Den, ma poi ho preferito attenermi il più strettamente possibile al manga originale che, come ho già detto, conosco e amo da quando ero bambina.

199X: – Per quello che riguarda il suo stile, invece, qualcuno si è chiesto se sia ispirato a quello di Takehiko Inoue

Y.N.: – Ho sempre nutrito un grandissimo rispetto verso il maestro Inoue, ma non ho mai cercato di imitarlo. E’ possibile che, anche senza volerlo, mi sia comunque lasciata influenzare dal suo stile.

199X: – Sì, capisco bene quello che intende. Ma tornando alle sue opere, concluso Toki Gaiden, a quali manga ha lavorato?

Y.N.: – In particolare ho realizzato Choujuu Gitan, un manga diviso in due serie e che si è concluso a luglio dell’anno scorso. In più, dal 2012, sono impegnata su SILENCER, una serie di stampo poliziesco la cui trama è scritta dal maestro Buronson.

Silencer e Choujuu Gitan

199X: – Bene, la ringrazio del suo prezioso tempo e spero che questo rapido scambio di battute possa contribuire a farla conoscere meglio anche nel nostro paese. Dal canto mio è stato un vero piacere riuscire a parlarle🙂

Y.N.: – Figurati. Anzi, ringrazio te per essertene preoccupato. Lo apprezzo davvero. Bye!🙂

Ecco dove potete trovare Yuka Nagate:

 

PROTAGONISTI

TOKI (トキ)

toki profile

Nobile e sapiente guerriero, Toki è stato costretto dal fato a rinunciare alla lotta per la nomina di maestro successore dell’Hokuto Shinken e, allontanatosi dal tempio, ha vagato fino a raggiungere un villaggio popolato esclusivamente da persone gravemente malate che attendevanosoltanto di morire. Grazie all’utilizzo dei punti segreti di pressione è stato in grado ridonare a quelle persone sia la salute che la gioia di vivere, trasformando in breve tempo un luogo maledetto in quello che tutti ormai chiamano “Villaggio dei Miracoli”Vedi scheda di Toki nel manga originale

RAMO (ラモ)

Personaggio inedito, Ramo è un fedele servitore che il maestro Ryuken ha affidato a Toki prima di morire. Saggio ed onesto, rappresenta un valido aiuto sia nelle questioni pratiche che come consigliere.

luca profileLUCA (ルカ)

Bambino gravemente malato, prossimo alla morte, è il primo dei pazienti salvati da Toki con la sua tecnica miracolosa. In seguito a tale evento, Luca si lega molto al protagonista, divenendo partecipe sia dei suoi momenti di gioia che della sua sofferenza.

amiba profileAMIBA (アミバ)

Folle e presuntuoso allievo del Nanto Seiken, Amiba é un sedicente genio delle arti marziali che dichiara di essere in grado di apprendere ogni tecnica con estrema facilità. Proprio per tale motivo pretende di riuscire a curare i malati quanto se non meglio di Toki ma, quando la sua approssimativa pratica dei punti segreti di pressione rischia di provocare seri danni a degli innocenti, è lo stesso guerriero di Hokuto ad intervenire, umiliandolo pubblicamente…
Vedi scheda di Amiba nel manga originale

zeed profileZEED (ジード)

Energumeno a capo di una banda di predoni nota anch’essa come “ZEED”, assieme ai suoi uomini terrorizza e saccheggia i villaggi lasciando solo grandi distese di cadaveri. Ha preso di mira il Villaggio dei Miracoli e sta attuando una strategia di terrorismo psicologico per fiaccarne le difese prima di sferrare l’attacco definitivo.
Vedi scheda di ZEED nel manga originale

juza profileJUZA DELLE NUVOLE (雲のジュウザ)

Rimasto a piedi in pieno deserto in seguito alla rottura del suo mezzo di trasporto, Juza cerca un luogo in cui riposare e magari svagarsi con un po’ di belle donne. Imbattutosi in una pattuglia esplorativa di ZEED, viene a sapere del Villaggio dei Miracoli…
Vedi scheda di Juza nel manga originale

EDIZIONE ITALIANA

Ottima carta, buona impaginazione, traduzione e adattamento di buon spessore. Credo che oggettivamente non si possa muovere alcuna critica a questo primo volume. Che la tecnica perfetta di Toki sia riuscita a guarire anche Planet Manga? Lo vedremo nei prossimi volumi. Nel frattempo, se siete dei fan di Hokuto, fareste bene ad affrettarvi ad andarlo a comprare😉

Appuntamento al prossimo mese!

Una risposta a “TOKI IL SANTO D’ARGENTO Vol.1 – Recensione

  1. Pingback: TOKI IL SANTO D’ARGENTO Vol.2 – Recensione | HOKUTO NO KEN

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...