Ken il guerriero e gli errori del doppiaggio storico (terza puntata)

terza puntata

Terzo appuntamento con l’analisi delle perle del doppiaggio storico di Ken il guerriero. Anche stavolta introduzione stringatissima e passo immediatamente al sodo, perché di carne al fuoco ce n’è tanta. Buona lettura! 😉


EPISODIO 3
“L’ARTIGLIO

光なき街に孤拳が燃えた!爆殺五指烈弾
(Una sola tecnica può rischiarare le tenebre di questa città!
Morte esplosiva: Goshi Retsu Dan)

003-203

Dati tecnici

  • Prima TV (J): 25 ottobre 1984
  • Supervisione artistica: Masamitsu Sasaki
  • Sceneggiatura: Toshiki Inoue
  • Sakkan: Hironobu Saitoo
  • Fondali: Morishige Suzuki
Sinossi

I membri di KING spadroneggiano nel caos del dopobomba e non tollerano intromissioni, ma Lin è in pericolo e Kenshiro non può abbandonarla nelle mani dei suoi crudeli aguzzini. Dovrà quindi introdursi in territorio nemico e colpire i malvagi senza pietà!


Bene ragazzi, allacciatevi le cinture di castità e preparatevi al terzo episodio! Avevamo lasciato Kenshiro in pieno deserto a buttar via chicchi di riso, ora vedremo cosa accade in un altro luogo misterioso… Mi raccomando tenetevi forte che qui c’è il primo vero capolavoro del doppiaggio storico!

003-007

Accompagnati dal dolce suono dell’arpa di Julia, veniamo trasportati subito all’interno di un palazzo dove Shin, seduto su un trono rivela tutto il suo lato poetico (perchè lui è il Carducci di Hokuto No Ken) . Con una voce nasale che farebbe l’invidia del miglior Eros Ramazzotti, il crudele tiranno declama i suoi versi:

“Mentre anche le persone più ordinarie possono apprezzare la buona musica, solo pochi uomini privilegiati sono in grado di apprezzare il fascino del maligno… L’uomo che ha il coraggio di affrontare il suo Dio e che riesce a sconfiggerlo… ebbene sarà l’abitante di questo paradiso con tutte le sue bellezze”.

003-008

E fin qui, a parte che non si capisce con chi ce l’abbia e a parte lo sconcerto mio nel constatare che NON si tratta di un dialogo cannato dal nostro doppiaggio, si può pensare che sia una riflessione tutta sua sul senso della vita (o, al limite, l’effetto del vino che sta bevendo…), quando ad un tratto avviene l’impensabile, l’inspiegabile…

003-011 Il suo sguardo si posa sulle carte dei 4 Fanti poste su un tavolino alla sua destra. Appoggia delicatamente il calice, prende la carta del Fante di Picche… la strappa in due e dice:

“LO SPAZIO E’ STATO SGOMINATO MA ANCHE ADESSO MI RIMANGONO ANCORA TRE FANTI”

003-013

Mitico Shin! Ci mancava solo che gli facevano dire: “La nebbia agli irti colli, piovigginando sale…” Le cose sono due: o era ubriaco Shin o era ubriaco chi ha scritto quel passaggio… Il motivo dell’errore è semplice e riguarda il discorso che facevo nella prima puntata di questa rubrica. Come abbiamo visto la volta scorsa, il nome originale del Fante di Picche è Spade. Qualcuno, molto probabilmente la stessa Toei ed il suo reparto traduzioni per l’estero, forse anche solo a causa di una svista, deve aver scritto “Space” negli script poi inviati qui in Italia. Tuttavia, per quanto la spiegazione sia logica, rimane il dubbio:

Ma qualcuno si premurava di leggere i dialoghi prima di farli recitare?

Cioé, io posso capire anche il doppiatore che recita la propria parte senza fiatare perché non ha il tempo di pensare a che senso abbia quello che dice il suo personaggio e non ha una visione d’insieme della serie (d’altronde siamo ancora al terzo episodio), ma il dialoghista o il direttore del doppiaggio, davvero non avevano la minima idea di cosa stessero facendo?

Boh… Ma andiamo avanti.

Bart, stremato ed affamato nel deserto (e non “assetato” come dichiara nel nostro doppiaggio), esclama:

“Dannazione, vorrei sapere perchè Ken che è così bravo non fa uso di tutta la sua forza! Cosa diavolo mai starà aspettando…”

003-019

Presa così, uno può pensare che Bart si sia beccato un colpo di sole e stia sparlando, ma in realtà la frase non è del tutto erronea, solo che il ragazzo non si riferisce alla forza fisica di Ken, bensì alle sue mille capacità. Insomma, si chiede perché Kenshiro non utilizzi tali capacità per procurare (facilmente e per entrambi), il cibo e tutto ciò di cui hanno bisogno. “Che spreco!” dice.

Ma non tutto è perduto! La buona sorte sembra infatti regalare al nostro Bart un intero frigorifero che non attende altro che essere aperto! 003-020

Cosa troverà il nostro affamato eroe all’interno di questa cornucopia dimenticata dal tempo?

Via alle scommesse!

1) Zuul?

zull

2) Indiana Jones?

indiana jones

3) Capitan America?

captain america

La risposta è…

003-021

… UN CACCHIO DI NIENTEEEEE!!!

003-022

(No ma, seriamente, cosa pensavate ci potesse trovare? 😀 )

Ma Bart non si arrende facilmente. La sua fame dev’essere placata.

Ecco quindi che la sorte, dopo il tiro mancino del frigo a sorpresa, decide di dargli l’opportunità di procurarsi  finalmente un vero pasto! Bart si accorge infatti che proprio lì, vicino a lui, un avvoltoio cerca di mettere il becco su un serpente…

003-024

Il ragazzo allora arriva alle spalle del volatile, lo agguanta dalla coda ed esclama:

“Lascialo!!”

003-028 Praticamente sembrerebbe che Bart, novello Bear Grylls, voglia mangiarsi lui il serpente … ma in realtà dice “Beccato!”, perché il suo vero obbiettivo è il ben più sostanzioso avvoltoio. Infatti, sempre nel nostro doppiaggio, la battuta immediatamente seguente è:

“Molla, brutto uccellaccio spennacchiato!”

Ma nell’originale si rivolge al pennuto così: “Stasera arrosto!” In ogni caso, alla fine Bart viene ridotto a più umili consigli dalla sua ambita preda… 003-032

In tutto questo, animatori e sceneggiatore si ricordano che sarebbe pure ora di andare avanti con la trama e quindi fanno sì che Bart veda la piccola Lin, assieme ad altri schiavi, a bordo di un camioncino diretto alla vicina città. Allora il ragazzino si precipita a dirlo a Kenshiro, che per tutto il tempo è rimasto ad allenarsi per un casting  (Pare gli avessero offerto il ruolo di Virgo ne “I Cavalieri dello Zodiaco”, ma gli venne poi soffiato da un capellone biondo. Destino beffardo).

003-046

Comunque Bart gli spiega la situazione ma lo avverte che la città in cui l’hanno portata è pericolosa, perché lì “il Re” se la comanda.

E uno, giustamente, a questo punto dovrebbe chiedersi…

CHI E’ LO RE !?

CHI E' LO RE !? Sì perché, a ben vedere, nessuno fino ad ora ha menzionato questo fantomatico personaggio, quindi in teoria Ken non dovrebbe sapere nemmeno a chi si riferisce Bart. Allora dov’è l’inghippo?

Se ricordate, la volta scorsa abbiamo parlato dell’errore riguardante la frase “uomini del Fante di Picche”, che in origine era invece “membri di KING”. Proprio lì ho spiegato che KING identifica non solo Shin come capo del gruppo, ma anche l’intera organizzazione. Ed è proprio in quest’ultima accezione che Bart parla di KING anche in questo episodio, così come è sempre per lo stesso motivo che Kenshiro sa bene a cosa si sta riferendo il suo giovane amico. Praticamente, a causa dell’errore fatto nell’episodio precedente, è nata un’ulteriore incongruenza anche in questo.

Ma andiamo avanti…

Com’è come non è, i due entrano infine in città e, con molta discrezione, pensano bene di andare direttamente dal boss di metà livello, Diamond, il Fante di Quadri (anche noto alle forze dell’ordine della provincia di Chieti come “Camill Bill Capill”), che si stava divertendo a tormentare un po’ i villici. Insomma, è ora di menare un po’ le mani e, siccome Camillo è una persona educata e a modo, non si fa pregare e accetta subito l’invito.

003-085

Volano parole grosse, ma Kenshiro è un duro e molla lì una zeppa di un certo livello:

“Il silenzio è d’oro. Questa è una norma che dovresti imparare”

003-086 Bella. Quasi mi spiace constatare che è diversa dall’originale perché in fondo ci sta a pennello. Comunque, giusto per curiosità, la frase originale sarebbe: “Faresti bene a tornare nel tuo recinto a dormire con le altre bestie”. Finalmente inizia il combattimento. Dopo aver strappato la maglietta a Ken, Camillo esclama:

“Sono le sette stelle!”

003-094

(Che poi non è mai stato chiaro a chi sia venuto in mente di giocare a “unisci i puntini” sul petto di Kenshiro…)

Infatti, coerentemente con l’errore iniziale, invece di cicatrici (scars), si continua a parlare di stelle (stars) e sta cosa ce la porteremo avanti per tutta la serie  (Eviterò quindi di ripeterlo in futuro).

Piccola annotazione: Non c’entra niente con il doppiaggio, ma guardate la magia della mglietta auto-rigenerante… 003-097 … che dieci secondi dopo è di nuovo strappata!! 😀

003-098

(Intanto Ken lancia il suo famoso segnale internazionale di omicidio imminente…)

Kenshiro si decide a chiudere la questione e, dopo aver afferrato il bastone di Camillo, con la sola forza del polso fa leva e lo SBALANZA per aria…

003-107 … poi si lancia pure lui e… 003-108

COLPO DEL COLLO CHE SI ROMPE

003-112 No no no, fermate un attimo questo remake di Tre metri sopra il cielo! Ma quale collo che si rompe? Dove? Lì c’è scritto bello chiaro:

Kōshu Hagan Ken – 交首破顔拳
(Colpo dell’Impiccagione con Frantumazione del Volto)

E infatti, se torniamo un attimo indietro e seguiamo le fasi dell’esecuzione della tecnica, si vede bene che Ken, come prima cosa blocca l’avversario al collo mentre questi è in caduta libera, mimando proprio la stretta di un cappio

003-109 … dopodiché gli rifila una ginocchiata dritta sul setto nasale! 003-110
Risultato? Coso ricade a terra credendo di essersela cavata, ma Kenshiro lo redarguisce:

“Non ti sei reso conto di essere già morto?”

003-116

(Vabbé, dai, pian piano ci stiamo avvicinando al “Tu sei già morto”. Sempre meglio del “Ne sono sicuro, sei un uomo morto” del primo episodio, per dire…)

… e a Camillo gli si rompe il collo? No, gli scoppia la faccia. 003-120

Curiosità

Lo sceneggiatore dell’episodio, Toshiki Inoue, non si è probabilmente reso conto che, semplicemente cambiando parte dello svolgimento della trama rispetto al manga originale, è andato a perdere il senso di contrappasso dantesco del colpo che abbiamo appena visto. Diamond, infatti, nel manga stava impiccando dei poveri innocenti proprio per attirare Kenshiro, mentre nell’anime voleva costringere un padre a colpire, con arco e freccia, un barattolo posto sulla testa del figlio.

Ma torniamo al vero motivo che ha condotto Kenshiro e Bart in questo luogo: liberare Lin. Siccome l’approccio molto sottile di Ken ha avuto l’effetto di allertare tutti i membri di KING e scatenare una caccia all’uomo per le vie della città, il dinamico duo è costretto a nascondersi in un edificio abbandonato nell’attesa di poter godere almeno del favore delle tenebre. Bart comunque non si scoraggia e, con un geniale travestimento…

003-134

… decide di andare in perlustrazione per trovare il luogo in cui è rinchiusa la bambina. Alla fine (complice anche Pel,  il cagnolino della carta igienica) riesce a trovarla e, appena scesa la notte, conduce Kenshiro a trarla in salvo. Questi, come prima cosa, manda in stato catatonico la guardia (che, detto per inciso, sembra un incrocio tra un tricheco e Babbo Natale). 003-174 Bart giustamente gli chiede: “Che… che diavolo gli hai fatto, Ken?” E Kenshiro:

“L’ho colpito in un punto particolare paralizzandogli i centri nervosi. E’ una mossa che si chiama Colpo alle Tempie…”

Ma, ma… ma il colpo alle tempie non era quello usato contro Spade, il Fante di Picche, nello scorso episodio? Esattamente, solo che mentre la volta scorsa era sbagliato, stavolta bene o male ci hanno preso, perché Kenshiro parla di punti segreti di pressione chiamati Zusetsu (頭顳) termine che letteralmente indica proprio le tempie. Insomma, per una volta che c’hanno preso, hanno comunque creato una bella confusione.  😀

Nel frattempo Bart, sotto lo sguardo paterno di  Ken, ricorre al metodo scientifico per vedere se ‘sta cosa della paralisi funziona davvero, prendendo Babbo Natale a calci negli stinchi…

003-178

“… e questo è per quella volta che ti ho chiesto il Gameboy e mi hai portato il Supervision…”

… ma urla strazianti interrompono la scena. Si tratta di Artiglio, il Fante di Fiori (chiamato Club in originale e “Cocciasecca” dagli amici), che si diverte a massacrare poveri innocenti all’interno di una gabbia di ferro.

003-200

Kenshiro non può ovviamente stare fermo, con le mani nelle mani, tante cose deve fare prima che venga domani. Cocciasecca dev’essere fermato! Le sue armi micidiali sono proprio quelle lunghe lame con cui si diverte ad uccidere le proprie vittime, ma niente che l’Hokuto Shinken non possa contrastare! E allora via con una nuova tecnica segreta chiamata…

003-202

“COLPO SPECIALE”

003-204 MA QUALE COLPO SPECIALE !? Ma porca… Nome originale: Goshi Retsudan (五指烈弾 – Colpo Distruttivo delle Cinque Dita). E infatti al povero Cocciasecca gli saltano in aria le falangi… 003-207

… solo che siccome a Ken gli dev’essere rimasto particolarmente simpatico, si becca pure due ginocchiate volanti in faccia, due ginocchiate di ritorno ai reni e, per chiudere in bellezza, l’attivazione di un punto segreto (il Meimon – 命門 – Cancello della Vitanon menzionato nel doppiaggio nostrano) che costringe i muscoli della schiena a contrarsi sempre più fino a spezzare la colonna vertebrale. Che culo!

003-213

Sul finale, possiamo vedere due scagnozzi (uno dei due è sempre Babbo Natale) che si recano da Shin a fare rapporto di quanto accaduto a Camillo e a Cocciasecca.

003-225

Solo che mentre nell’originale menzionano “La Divina Scuola di Hokuto”, nel nostro doppiaggio questa cosa viene taciuta. Cioé, rendetevi conto che siamo alla fine del terzo episodio e ancora l’Hokuto non è stato nominato mezza volta.

Ultima chicca è la convocazione di Heart, il Fante di Cuori. Shin, nel nostro doppiaggio, dichiara che questi è conosciuto come “L’Assassino”, mentre nell’originale il vero soprannome del personaggio è “Annientatore di Arti Marziali” (拳法殺しKenpō Goroshi).

003-238 Chiudiamo con la risata di Shin e con l’invito, se l’articolo vi è piaciuto, a commentare e condividerlo ovunque. Se invece non v’è piaciuto commentate comunque e fatemi sapere la vostra 🙂

Al prossimo meraviglioso appuntamento!

“AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH”

003-241 Ringraziamenti

P.S.: nell’analizzare gli errori del doppiaggio storico ho ritenuto di dover segnalare solo ed esclusivamente quelli più eclatanti e/o ridicoli, perché diversamente sarebbe toccato fare una trascrizione ed un adattamento completi dal giapponese dell’intero episodio, cosa che avrebbe richiesto una mole di lavoro eccessiva.

Annunci

12 risposte a “Ken il guerriero e gli errori del doppiaggio storico (terza puntata)

  1. Assolutamente fantastico! Questa rubrica diventa sempre migliore, non vedo l’ora di leggere i prossimi episodi (aspetto con ansia il momento in cui Shin parlerà del “Karatè dell’Orsa Maggiore”)

    Mi piace

  2. A un certo punto ho letto veramente il monologo di Shin con la voce di Eros Ramazzotti XD
    Comunque le genialate del doppiaggio di Ken non finiscono mai di sorprendermi. Ottimo articolo!

    Mi piace

  3. Pingback: Ken il guerriero e gli errori del doppiaggio storico (quarta puntata) | HOKUTO NO KEN

  4. Pingback: Ken il guerriero e gli errori del doppiaggio storico (sesta puntata) | HOKUTO NO KEN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...