Ken il guerriero e gli errori del doppiaggio storico (nona puntata)


ep9banner

Dopo ben tre episodi in compagnia dei Berretti Rossi, passiamo finalmente ad un vero e proprio fiore all’occhiello della serie animata di Ken, i famigerati “filler”, ovvero le puntate tappabuchi che – soprattutto nella saga di Shin – servivano per evitare di andare in pari con le storie pubblicate settimanalmente in formato cartaceo. Di come tali avventure “apocrife” abbiano dato vita alle più assurde tecniche di combattimento ne ho già parlato in una classifica a parte (che potete leggere cliccando qui) mentre oggi andiamo a vedere la prima di due puntate a base di streghe, castelli, fanciulle da salvare, trappole, sotterranei e… draghi!


EPISODIO 9
“LA MONTAGNA MAGICA

悪党ども! 死ぬ前に祈りをすませろ!!
(Furfanti! Recitate le vostre preghiere prima di morire!!)

009-111

Dati tecnici

  • Prima TV (J): 6 dicembre 1984
  • Supervisione artistica: Osamu Kamimura
  • Sceneggiatura: Shoozoo Uehara
  • Sakkan: Hironobu Saito
  • Fondali: Kue Oomiya
Sinossi

Quando l’acqua è appannaggio di pochi, la disperazione può portare anche a cedere la libertà pur di averne un po’. Normale amministrazione nell’inferno del deserto postatomico. Ma se dietro tutto questo c’è la mano di KING, la vendetta può non essere così lontana.


Ancora in viaggio alla ricerca di Shin, il nostro gruppo di eroi si è accampato nel deserto ed ha allestito un piccolo falò ma – prima che Bart possa tirar fuori la chitarra e sciorinare tutto il suo repertorio di Baglioni per tentare di limonarsi Lin – una giovane coppia, inseguita da un gruppo di loschi motociclisti, irrompe sulla scena correndo nella loro direzione.

009-005

Kenshiro, che come ben sappiamo non si fa pregare quando c’è da menare le mani, si interpone subito tra la coppia e gli inseguitori, esibendosi per l’occasione in uno dei suoi famosi numeri da circo con i coltelli. Stavolta però, in totale controtendenza rispetto a tanti predecessori, i delinquenti si animano di un insolito spirito si autoconservazione. Uno di loro, infatti, si ricorda di aver sentito parlare di quel tizio ed un altro ancora gli fa eco:

“Certo, è quello che è un maestro di karaté!”

09-A

Sì perché è bene ricordare che dopo ben nove puntate stiamo ancora a ‘sti livelli. Chiaramente non ci sarebbe neanche da dirlo, ma la frase originale recita: “Che sia quel tizio della Divina Scuola di Hokuto?”

Un altro ancora aggiunge:

“…L’uomo delle stelle!!”

09-B

Ecco, uno magari pensa che è una colta citazione del compianto David Bowie, ma in realtà il punkettone si limita a constatare l’ovvio con un plateale “Siamo fottuti!”

E infatti scappano tutti!! Evviva! Finalmente niente violenza!! Se dovessero trasmettere Ken su mediaset forse manderebbero in onda solo questi primi 2 minuti…

Nel dialogo che segue, lo dico per onestà intellettuale, anche se non tutto è corretto ciò non influisce in alcun modo sulla comprensione della trama. Difatti, mentre Lin si appresta a fasciare una ferita alla giovane appena salvata, quest’ultima dichiara con riconoscenza:

“Senza il vostro intervento non so come sarebbe finita”

… al che Lin le risponde:

“Cerca di non pensarci più ora, è stato solo un brutto sogno. Sono sicura che lo dimenticherete al più presto”

09-C

… mentre nell’originale, sempre con riconoscenza, la prima ringrazia perché oltre ad averla salvata la accudiscono, mentre Lin le risponde che ora non devono preoccuparsi più di nulla perché Ken è una persona gentile e li aiuterà di certo. Ecco, come dicevo, questo è uno di quei casi in cui l’errore di traduzione non porta problemi, quindi l’ho segnalato per completezza ma non è di certo una di quelle cose per cui strapparsi i capelli. Però andiamo avanti che adesso viene il bello…

Arrivano infatti i membri della comunità da cui i due ragazzi – che rispondono al nome di Mikah (non “Mirka” come nel doppiaggio nostrano) e Sam – sono fuggiti. E uno pensa che sono arrivati per aiutare, no? Ma manco per niente! Capeggiata proprio dal padre della giovane, la gente del villaggio è infatti venuta fin lì a rimproverare i fuggiaschi e a riportarli a casa! Sì perché pare ci sia qualcuno a cui bisogna render conto per questa incresciuuuuoooosa situazione…

“Mi rivolgerò di nuovo al SIGNOR Patler per quella questione”

009-025

Esatto, il SIGNOR Patler.

Ora, a parte che al limite sarebbe Patra (パトラ), che non stà per Cleopatra, come uno potrebbe pensare ma per Patra città della Grecia (che in italiano chiamiamo Patrasso), ma il personaggio in questione, come avremo modo di scoprire tra poco, E’ UNA DONNA, non un uomo!

Comunque Mikah e Sam vengono ricondotti al villaggio con la forza… e Kenshiro? Kenshiro muto, perchè lui è così, un po’ eroe e un po’ bipolare. Un attimo prima è pronto a prendere a ceffoni i cattivi e un attimo dopo rimane impietrito a rimuginare sui traumi del passato. E meno male che non è donna pure lui…

009-029

Per convincerlo ad interessarsi della faccenda bisogna aspettare il giorno dopo quando il terzetto, di nuovo in viaggio senza una meta precisa (e come se non fosse successo niente, aggiungerei…), per poco non investe un marmocchio di nome Jiro (ci è andata bene che non l’hanno tradotto Ciro) che dichiara di essere il fratello minore di Mikah. Il bambino chiede disperatamente il loro aiuto e li conduce quindi al villaggio ma è già troppo tardi, perché tanto sua sorella quanto il fidanzato sono già stati venduti a Patra.

009-055

Infatti, come spiega il capovillaggio (che pure lui s’è svegliato solo adesso che Ken è lì), la loro comunità è costretta da tempo a versare a Patra un tributo di vite umane in cambio dello sfruttamento dell’acqua di un lago che si trova nei pressi del Monte Ryujin. La richiesta è quindi quella di mettere la parola fine a tutto ciò.

009-057

Ma facciamo un bel salto lungo e andiamo alla Croce del Sud, dimora del guerriero biondo che fa impazzire il mondo. Qui ritroviamo il mitico ‘Ndonie la Passatéll (sì, lo so, gli piace farsi chiamare Jolly o Joker, ma la verità è che abita dalle parti di Francavilla al Mare, come sanno già gli affezionati di questa rubrica) a confabulare con Shin, riferendo dell’avvistamento di Kenshiro nel territorio di Patra.

009-066

“Patler e i suoi non mi dovranno deludere. Vai e ordina loro di ucciderlo!”

009-067

… dice Shin, ma la frase originale sarebbe all’incirca: “La banda di Dragon non fallirà”. Il Dragon in questione sarebbe un personaggio che in effetti vedremo solo nella prossima puntata, quindi la dichiarazione ha probabilmente più senso in italiano, ma l’originale ci permette di capire che il vero capoccia non è Patra.

Torniamo allora dalle parti di ‘sto benedetto Monte Ryujin, alle cui pendici si trova una sorta di avamposto in cui Patra e i suoi uomini raccolgono in un primo momento gli schiavi che gli vengono dati in tributo prima di trasportarli in massa sul monte stesso, dove si trova il vero quartier generale. Qui un paio di sgherri accompagnano il capovillaggio da Patra.

“Padrone…”

09d

Sì, di nuovo. Nonostante si veda già di spalle che Patra è una donna, i suoi scagnozzi la chiamano “Padrone”.  Vabbò…

Comunque finalmente ‘sta Patra si palesa al pubblico e si rivela essere praticamente una sorta di strega barra zingara dotata di misteriosi poteri, tanto che pare abbia già saputo che il capovillaggio ha chiesto a Ken di farle la pelle.

09-e

L’uomo, dal canto suo, caratterizzato da uno spirito indomito, non solo la chiama “SIGNORE” (e daje…) ma si caga letteralmente sotto dalla paura e accetta di accompagnare gli scagnozzi della megera alla casa in cui Kenshiro è momentaneamente ospite.

009-083

E chi ci manda Patra a cercare di eliminare il successore di Hokuto?

I FICHI D’INDIA !!

koumori

“AMICIIII ARARARA !!”

Kenshiro, attaccato dai due pittoreschi avversari, dice:

“Questi due sono sicuramente dei seguaci di Shin. Ma lui dove si trova?”

009-113

… mentre invece, nell’originale giapponese sarebbe: “Questo è il Koumori Ken (蝙蝠拳 – Tecnica del Pipistrello) della Sacra Scuola di Nanto. Che siano scagnozzi di Shin?”

Poi, siccome gli stanno davvero simpatici, ad uno gli rifila un Tiger Uppercut che “Sagat vatti a nascondere”, mentre all’altro:

“RONDINE VOLANTE”

009-124

Che poi, voglio dire, pure a 10 / 11 anni ti rendevi conto da solo che quei CINQUEMILA caratteri giapponesi in sovrimpressione NON potevano tradursi solo con due parole. E infatti la tecnica, chiamata  Hichō Kūzan Pa (飛鳥空斬波), letteralmente si traduce:  Onda dell’Uccello Volante che Fende il Vuoto. Poi, oh, magari la si può adattare in maniera più elegante, eh, ma è comunque ben lontana da “Rondine Volante”

Dopo questo attacco nemico, Kenshiro finalmente si decide ad andare a regolare i conti direttamente all’avamposto di Patra la quale, per l’occasione, gli molla una supercazzola con un oroscopo tarocco:

“Il sole è nella Vergine e Nettuno in questo momento sta controllando la stella principale. Ciò significa una cosa sola: la tua vita volge al termine!”

009-134

Ebbene, tutto ‘sto delirio ridicolo NON è frutto del nostro adattamento!😀

Comunque, sfruttando l’illusionismo, Patra riesce a far abbassare le difese a Kenshiro quel tanto che basta a quattro dei suoi uomini per immobilizzarlo con delle catene tentando di emulare l’antico (ma pur sempre mitico) spot della Renault 18 Diesel

kenshiro-renault

Kenshiro era più astuto e mo’ è moruto…

…dopodiché, ciliegina sulla torta, gli mostra il piccolo Jiro rinchiuso in una cella in procinto di essere sbranato da un lupo feroce:

“Osservandolo mentre azzanna il tuo piccolo amico andrai all’Inferno anche tu!”

009-146

“Ué ué, Kenshì! Aiuto!”

Ovvio che la costruzione della frase è assurdamente sgrammaticata. Il senso si recupera mettendola così: “Andrai all’inferno (cioè morirai) guardando il tuo piccolo amico che viene sbranato”.
Ad ogni modo, che abbia capito il concetto o meno, Ken s’incazza…

009-148

E giù mazzate per tutti, anche per il lupo (alla faccia degli animalisti!!)

009-152

A Patra gli viene la stessa espressione che c’aveva mia zia quando gli hanno detto che quella roba buona che aveva mangiato in Spagna erano PALLE DI TORO…

009-153

Kenshiro poi dice ai quattro bruti che lo tenevano:

“Keiraku hiko, ossia frantumazione del nucleo. Tra un po’ la vostra colonna vertebrale andrà in pezzi e i muscoli saranno distrutti”

09-f

Che non è poi del tutto errato, solo che Keiraku Hikō (経絡秘孔) significa solo “Colpire i Punti segreti di pressione”, non è il nome specifico del punto che Ken ha attivato, che invece, nella versione originale, si chiama  Dankyochūketsu (断虚中穴).

Poi però, aggiunge:

“Siete già morti ma ancora non lo sapete”

009-154

MA VIEEEENIIIII !!! DOPO NOVE PUNTATE L’HANNO AZZECCATA !!

E allora la chiudiamo in bellezza qui, mentre Patra se la dà a gambe levate in un sotterraneo e Kenshiro la insegue solo per trovarsi di fronte ad un lago misteriosamente prosciugato, lasciandoci ad attendere gli sviluppi della prossima puntata. Spero che gli affezionati della rubrica abbiano apprezzato e invito gli eventuali nuovi lettori a cliccare in fondo, sul penultimo link, per gustarsi le precedenti puntate😉

Alla prossima!


Ringraziamenti

P.S.: nell’analizzare gli errori del doppiaggio storico ho ritenuto di dover segnalare solo ed esclusivamente quelli più eclatanti e/o ridicoli, perché diversamente sarebbe toccato fare una trascrizione ed un adattamento completi dal giapponese dell’intero episodio, cosa che avrebbe richiesto una mole di lavoro eccessiva.

3 risposte a “Ken il guerriero e gli errori del doppiaggio storico (nona puntata)

  1. Pingback: Ken il guerriero e gli errori del doppiaggio storico (decima puntata) | HOKUTO NO KEN

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...