Ken il guerriero – Le origini del mito REGENESIS: Riassunto Capitoli 2 e 3

Con questo articolo – e con altri che pubblicherò a breve – vorrei iniziare a fare il punto della situazione  su Souten No Ken Regenesis. Per ora mi soffermerò solo sulla versione cartacea delle nuove avventure del 62° successore di Hokuto per poi passare, in un secondo momento, a parlare un po’ dell’omonimo anime che, interrotto dopo 12 puntate, riprenderà il prossimo ottobre.

Se ci seguite, dovreste aver già scaricato e letto da tempo il primo (e lungo) capitolo che abbiamo tradotto tempo fa per presentarlo agli appassionati di tutto lo stivale. Siccome, però, tra lavoro e impegni vari non ci è riuscito di star dietro alla traduzione vera e propria di tutti i capitoli (anche perché tanto, molto presto – forse già a Lucca – ne verrà annunciata la pubblicazione da parte di Planet Manga), ci tocca almeno fare un bel riassunto degli episodi apparsi su Comic Zenon nel corso di questi mesi. Quindi, grazie alla collaborazione del nostro amico Carmine Napolitano, andiamo intanto a vedere cosa è accaduto nei capitoli 2 e 3. Chiaramente, chi NON vuole spoiler è pregato di fermarsi qui. A tutti gli altri, invece, auguro una buona lettura 😉

 

Dopo lo spettacolare salvataggio di Erika, nel secondo capitolo Kenshiro, Yasaka e la ragazza sbarcano in Indonesia, paese che è nelle mani dell’esercito coloniale olandese che tratta gli abitanti del posto in maniera a dir poco brutale, schiavizzando tutti gli uomini che sono in grado di fungere da mano d’opera, cosa che non manca di suscitare l’opposizione di diversi movimenti per l’indipendenza dell’Indonesia, guidati da membri della stessa popolazione.  Uno scenario violento che non può non ricordare il devastato mondo post-atomico della saga originale, in cui gli oppressi anelano a quella giustizia che solo l’Hokuto sembra capace di riportare.

 

Ecco quindi che i protagonisti si imbattono in un ufficiale olandese che sta maltrattando un anziano usando le mani di quest’ultimo come posacenere, suscitando grasse risate nei suoi commilitoni ubriachi.

 

Erika interviene frapponendosi fra l’ufficiale e l’anziano, mentre Ken, costantemente impegnato a fumare, prima utilizza la testa del prepotente come posacenere. poi se ne sbarazza velocemente con una tecnica di Hokuto…

 

Ken e Yasaka vengono allora circondati da altri soldati olandesi che si dichiarano apertamente suprematisti bianchi, rispetto ai quali gli indonesiani (ma si lascia intendere gli asiatici in toto) sarebbero degli oggetti. A questo punto, citando Matrix, Kenshiro dapprima schiva i proiettili dei nemici…

 

… poi, assieme a Yasaka, fa strage degli avversari davanti agli sguardi stupiti della popolazione.

 

Alla scena, sin dall’inizio, ha assistito Haruto, un ragazzino – che secondo il mio personalissimo parere potrebbe essere un giovanissimo Kuroyasha – il quale chiede agli eroi di liberare suo padre, arrestato perché leader di un movimento di opposizione agli olandesi.

 

D’altronde pare che solo i nostri eroi abbiano una minima speranza di battere il famigerato Colonnello Van der Kohl, del sesto reggimento dell’esercito olandese, personaggio che inziamo a conoscere meglio nel terzo capitolo, in cui Haruto racconta ai protagonisti dell’arte marziale “sovrannaturale” che tale individuo sembra possedere. Anche il padre del ragazzo, nonostante fosse un maestro di Pencak Silat (arte marziale indonesiana) nulla ha potuto contro di lui. Yasaka ipotizza quindi che sia questo Van der Kohl l’uomo con lo stesso sangue di Erika che stanno cercando. Ken sembra inizialmente poco propenso ad aiutare Haruto, dicendogli anzi di prendersela con se stesso per non essere in grado di proteggere le persone a lui care…

 

…. Ma alla fine chiede al giovane di indicargli il luogo in cui si trova questo tanto famigerato Colonnello il quale, nel frattempo, come un novello Amiba, si diletta in esperimenti molto particolari su cavie umane…

 

Esperimenti che, a quanto pare, sono quanto di più lontano ci possa essere dalla definizione di “esito positivo”, tanto che l’ultimo soggetto che ha la sfortuna di passare per le mani  di Van der Kohl si tramuta in una specie di Blanka di Street Fighter che attacca indistintamente chiunque si trovi di fronte, compreso il Colonnello stesso, che però lo finisce molto rapidamente trapassandolo con una mano.

 

Deluso da quanto appena accaduto, decide allora di passare alla cavia successiva e, dopo aver analizzato i possibili candidati con – reggetevi forte – uno scouter alla Dragonball, sceglie proprio il padre di Haruto…

 

Nel frattempo, dopo averlo stabilito con Yasaka tramite la morra cinese, Kenshiro si è addentrato nel covo nemico, raggiungendo il laboratorio di Van der Kohl, abbattendone la porta blindata a pugni, proprio mentre questi ha le mani sul nuovo soggetto del test. E, al disappunto del Colonnello, il successore di Hokuto replica: “Ho soltanto bussato”

 

(Continua…)

PARLANE NEL FORUM

 

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8kX

Una risposta a “Ken il guerriero – Le origini del mito REGENESIS: Riassunto Capitoli 2 e 3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.