HOKUTO NO KEN I & II (Episodi Pilota – 1983)

  1. Trama
  2. Personaggi
  3. Tecniche Segrete
  4. Gallery
  5. Links
 

Descrizione e Trama

Nell’Aprile del 1983, sul settimanale giapponese Fresh Jump, viene pubblicato quello che si può definire “il prototipo” delle avventure di Ken. Si tratta di un episodio autoconclusivo dal titolo “Hokuto No Ken – Kasumi Kenshiro” (北斗の拳 – 拳四郎霞) e ci presenta proprio il giovane Kenshiro, Successore dell’Hokuto Shinken, alle prese con degli agenti della polizia corrotti e appartenenti alla Scuola Taishan. In quest’episodio, Kenshiro è figlio unico, il suo maestro e padre non è il Ryuken che conosceremo più in là nella serie regolare e la sua fidanzata si chiama Yuki. Il mondo non è quello postatomico, devastato e selvaggio che abbiamo imparato a conoscere nella serie, bensì quello attuale. Restano comunque inalterate alcune delle caratteristiche tipiche che poi riscontreremo nella serie: Gli eventi tragici e la brutalità dei nemici, il profondo senso di giustizia del protagonista e, soprattutto, l’infinita superiorità dell’Hokuto Shinken sulle altre arti marziali.
Inutile dire che già questo singolo episodio di prova spinse i lettori a richiedere a gran voce altre avventure del giovane successore di Hokuto e, pochi mesi dopo, a giugno, venne pubblicato “Hokuto No Ken II – Taizanji Kenpō” (北斗の拳 II – 泰山寺拳法), secondo episodio che vedeva il nostro eroe, diverso tempo dopo il primo episodio, addentrarsi direttamente all’interno del covo dei Taishan per vendicare la morte di due suoi amici. Qui si delinea già un’ambientazione differente rispetto al l’episodio precedente, più in linea con quello che vedremo in seguito. Evidentemente, si era già capito che un’arte temibile come l’Hokuto Shinken aveva bisogno di un set ben differente rispetto alla nostra epoca contemporanea, ovvero un mondo in mano all’anarchia e la criminalità.

Con questo episodio si concludono di fatto “le prove generali” per Kenshiro e di lì a poco, grazie all’arrivo alla sceneggiatura di Buronson, inizia la serie regolare che tutti conosciamo.

E’ interessante notare, comunque, quanto di questo Kenshiro delle origini ritroveremo poi in Soten No Ken: Infatti, se nella serie regolare si è ormai persa ogni memoria storica e anche i personaggi oramai vengono chiamati solo per nome, in Soten No Ken, come negli episodi pilota, Kenshiro recupera il cognome Kasumi e i due fumetti iniziano all’incirca nella stessa maniera, narrando dell’origine dell’Hokuto Shinken durante il periodo della guerra dei Tre Regni in Cina. Tra l’altro, anche in questo caso, il protagonista ha a che fare con organizzazioni criminali che si avvalgono (o che hanno a capo) dei potenti Maestri di arti marziali assassine.
L’impressione che se ne ricava è che Hara, unico autore sia degli episodi pilota che di Soten No Ken (in quest’ultimo Buronson farà solo da supervisore e soltanto nel primo periodo), abbia voluto riproporre il Kenshiro che lui stesso aveva creato e che troppo presto era stato accantonato in favore del salvatore dell’era postatomica.

In Italia, questi episodi sono stati pubblicati per la prima volta nel 1994 da Granata Press sulla rivista Zero, per poi essere ristampati da Star Comics nel 1998 sulla rivista Express.

CLICCA QUI PER LEGGERE LE SCAN
TORNA SU ▲

Personaggi

Kenshiro Kasumi (拳四郎霞)

E’ il 23° successore dell’Hokuto Shinken, l’arte marziale assassina ereditata da suo padre e tramandata segretamente da 1800 anni.

Questo personaggio rappresenta il “prototipo”, il punto di partenza dal quale verrà sviluppato il protagonista della serie regolare. Infatti, a parte il nome differente, qui scritto in kanji (che danno al nome”Kenshiro” il significato di “Figlio della Tecnica della Morte”) mentre nella serie scritto in alfabeto katakana (che è un alfabeto fonetico, quindi non da alcun significato al nome), il Kenshiro dei primi episodi ambientati nel periodo postnucleare sembra la diretta evoluzione di quello più giovane visto nei due episodi pilota. Entrambi hanno un carattere positivo e sensibile ma anche risoluto nell’utilizzare il micidiale Hokuto Shinken a favore dei più deboli. Anche l’assenza di fratelli adottivi (elemento narrativo che nel manga verrà inserito solo in un secondo momento) accomuna i due personaggi. Si può dire che il Kenshiro della serie regolare si distacchi definitivamente dal suo prototipo solo a partire dall’arco di storie che lo vedono incontrare Rei e Mamiya, in coincidenza con l’inserimento di nuove linee narrative da parte dello sceneggiatore Bronson, che di lì in poi (accantonando completamente il background del protagonista degli episodi pilota), darà vita alle storie e a tutto il pantheon di grandi amici ed avversari che hanno reso davvero leggendario Hokuto No Ken.

Maestro (—)

Padre di Kenshiro, è il precedente depositario dell’Hokuto Shinken. Non ne viene menzionato il nome ma è ovviamente il prototipo del Ryuken che conosceremo nella serie regolare. Appare solo nel primo dei due episodi pilota e non utilizza alcuna tecnica segreta.

Yuki (ユキ)

E’ la fidanzata di Kenshiro che, testimone dell’omicidio di un noto politico, viene brutalmente assassinata dal killer. Questo personaggio, esteticamente, si presenta come un prototipo di Julia, anche se rispetto a quest’ultima appare più solare e spensierata per quello che riguarda il carattere.

Commissario (署長)

E’ il corrotto capo del Dipartimento di Polizia di Kibo. Non è un membro della Scuola Taizan ma ne asseconda i piani. Pavido, opportunista e senza scrupoli, di fronte a Kenshiro chiede pietà ma, non appena questi gli volta le spalle tenta di sparargli a tradimento…

Ryu (リュウ) e Yoko (ヨウコ)

Braccati dai membri del Tempio Taishan, questi due ragazzi sono decisi a lasciarsi dietro il passato per iniziare una nuova vita. Difatti Ryu stesso era un assassino dell’organizzazione, ma l’amore per Yoko gli ha fatto aprire gli occhi e capire che non poteva continuare ad uccidere persone innocenti.

I Guerrieri del Tempio Taishan

In questi episodi, l’organizzazione del Tempio Taishan viene descritta nei suoi legami con la politica e i governi. Essenzialmente, gli assassini addestrati dall’organizzazione hanno il compito di sostenere determinate figure chiave dei governi che, a loro volta, fanno gli interessi del Tempio. Lo scopo ultimo dell’organizzazione è quello di dominare il mondo espandendo il suo potere e la sua influenza a macchia d’olio. Altre informazioni sul Taizanji Kenpō (泰山寺拳法)

Gōda (剛田)

Killer al soldo del corrotto Commissario, dopo aver ucciso a sangue freddo il ministro Sasaki, si accorge di essere stato visto da Yuki e la elimina senza alcuna pietà. La sua tecnica di combattimento e chiamata Yūsō Ryōdan Ken (熊爪両断拳 – Colpo Tranciante degli Artigli dell’Orso) e permette di tagliare perfino l’acciaio con la sola forza delle mani.
Questo personaggio viene ripescato successivamente ed inserito nel 33° episodio dell’anime ma con un nome differente, ovvero Uomo Orso (熊男).

Yazaki (矢崎)

Apparentemente un ispettore di Polizia è, in realtà, anch’egli un guerriero inviato dal Tempio Taishan. Allo scopo di coprire Goda per l’omicidio del ministro Sasaki, egli arresta Kenshiro e suo padre, i quali nel frattempo sono giunti sul posto in seguito alla disperata telefonata di Yuki.
La sua tecnica di combattimento è il Taizanji Kenpō Bōjutsu (泰山寺拳法棒術 – Tecnica dei Bastoni dell’Arte Marziale del Tempio Taishan).

Denki Saitō (斉藤伝鬼)

Guerriero che compare all’inizio del secondo episodio, utilizza la tecnica Taizanji Hakuja Gokusui (泰山寺白蛇獄水 – Veleno del Serpente Bianco del Tempio Taishan) che viene nominata ma non eseguita.

Maresciallo (総帥)

Personaggio misterioso al vertice dell’organizzazione. Compare nel secondo episodio ed è la base sulla quale verrà sviluppata successivamente la figura del Re del Pugno nella serie regolare.

Kinpu Baiken (金峰梅軒)

Soprannominato “Demone dai Muscoli D’Acciaio”, é il direttore della sezione sud-ovest del Tempio Taishan. E’ un guerriero di potenza superiore rispetto agli altri e viene inviato a stanare ed eliminare Kenshiro.La sua tecnica segreta è chiamata Yōgōkin-ki Genyū Ken (妖鋼筋鬼幻幽拳 – Colpo Dell’Illusione del Demone dai Muscoli D’Acciaio): Muovendo entrambe le mani rapidamente, riesce a creare un’illusione che le rende invisibili all’avversario, il quale non è in grado di difendersi e subisce in pieno l’attacco. Le tecniche di questo personaggio verranno in seguito sfruttate dal Generale Balkom nella serie TV.
TORNA SU ▲

TECNICHE SEGRETE

Hokuto Shinken (北斗神拳)

Kisha – 気舎

Punti segreti di pressione situati tra le spalle e la base del collo. Se vengono attivati provocano una totale paralisi del corpo.
kisha

Goshi Retsudan – 五指烈弾
(Colpo Distruttivo delle Cinque Dita)

Una delle tecniche fondamentali dell’Hokuto Shinken che prevede la distruzione delle mani dell’avversario per renderlo inerme.

Hokuto Sōryū Ha – 北斗双龍波
(Onda dei Due Dragoni di Hokuto)

Con entrambi i pugni il guerriero colpisce al petto l’avversario attivandone dei punti di pressione che lo fanno esplodere dalla schiena.

Ryūsei Hagan Kyaku – 流星破顔脚
(Calcio Fulmineo Rompivolto)

Un velocissimo calcio che raggiunge un punto segreto della testa dell’avversario, la quale si divide in due parti dopo pochi secondi dal colpo.

Hokuto Kōshu Gyakusetsu – 北斗絞首逆折
(Impiccagione Rovesciata di Hokuto)

Colpendo due punti segreti situati sul volto della vittima se ne causa la rapida morte dovuta ad una violenta rotazione della testa di 180°.

Hokuto Hyakuretsu Dan – 北斗百裂弾
(Cento Colpi Distruttivi di Hokuto)

Precursore dello Hyakuretsu Ken della serie regolare, ha la stessa modalità d’esecuzione e gli stessi effetti.

TORNA SU ▲

Taizanji Kenpō (泰山寺拳法)

Yūsō Ryōdan Ken – 熊爪両断拳
(Colpo Tranciante degli Artigli dell’Orso)

Tecnica posseduta da Gōda, permette di tagliare perfino l’acciaio con la sola forza delle mani.


Taizanji Kenpō Bōjutsu – 泰山寺拳法棒術
(Tecnica dei Bastoni dell’Arte Marziale del Tempio Taishan)

Stile di combattimento appartenente a Yazaki, si basa sull’uso di due mazze di ferro.
bojutsu

Taizanji Hakuja Gokusui – 泰山寺白蛇獄水
(Veleno del Serpente Bianco del Tempio Taishan)

Tecnica di Denki Saito, viene nominata ma non eseguita. Si evince soltanto che è basata sull’utilizzo di due spade corte.
hakujagokusui

Yōgōkin-ki Genyū Ken – 妖鋼筋鬼幻幽拳
(Colpo Dell’Illusione del Demone dai Muscoli D’Acciaio)

Si tratta del micidiale colpo di Kinpu Baiken. Muovendo entrambe le mani rapidamente, il guerriero riesce a creare un’illusione che le rende invisibili all’avversario, il quale non è in grado di difendersi e subisce in pieno l’attacco.


TORNA SU ▲

Gallery


TORNA SU ▲

LINK CORRELATI:

Annunci