Ken il guerriero Gusto Fragola – Arriva in Italia la parodia che ha conquistato il Giappone

Dopo lo strepitoso successo riscosso in madrepatria, il dissacrante Hokuto No Ken Ichigo Aji (Hokuto No Ken Gusto Fragola), si appresta ad invadere anche il Bel Paese. Accadrà  a novembre, per mano di Planet Manga, che ce lo fa sapere tramite l’ultimo numero di Anteprima.

Chi segue questo sito e, in generale, il mondo di Hokuto, dovrebbe già conoscere questo manga. Disegnato da Yukito Imouto su testi di Takeshi Kawada, Gusto Fragola ha iniziato la sua corsa nel 2013, durante il trentesimo anniversario di Ken il guerriero. La storia vede Souther, goloso di milkshake alla fragola (da cui il titolo dell’opera), dare continuo sfoggio delle sue manie di protagonismo tirando in mezzo tutto il resto del cast della serie originale in gag che definire assurde è un mero eufemismo. Souther, infatti, non è l’unico svitato della combriccola e, tra uno Shin con un amore inconfessabile, un Jagi incompreso, un bambino stalker armato di pugnale, improbabili videoclip, avventure ad 8 bit e tanto altro, le risate sono assicurate (a patto che non siate abituati a prendere Ken troppo sul serio, s’intende).

In aggiunta, in ogni volume è presente almeno un episodio “spin off”, disegnato da Yukito, riguardante la storia di un personaggio della saga. L’esistenza di tali episodi, a causa dell’imprecisione con cui spesso sono state date le notizie in merito ad essi (anche da siti molto accreditati e di larga diffusione), ha finito per generare parecchia confusione tra gli appassionati, molti dei quali ancora incerti su quanti ne siano effettivamente e come, dove e quando siano stati e/o vengano pubblicati. Per questo motivo ho pensato di fare un piccolo schema riassuntivo.

Il primo volume di Hokuto No Ken Ichigo Aji contiene, oltre alle varie gag, l’episodio Heart of Meet, dedicato appunto ad Heart. Altri due brevissimi episodi, sempre nelle stesse pagine, sono dedicati a Club, Diamond e Spade (questi però disegnati da Yukito Imouto e non da Yukito).

18 pagine del scondo volume sono dedicate a Souther Gaiden, il racconto dell’infanzia del Sacro Imperatore, dall’adozione da parte del maestro Ogai fino al suo primo incontro con gli altri adepti del Nanto Rokuseiken.

Nel terzo volume viene dato spazio a RedBlue, che narra del primissimo incontro tra Hyui e Shuren, dei Nanto Goshasei.

La difficile infanzia di Fudo, anch’egli membro dei Nanto Goshasei, ci viene raccontata in Scrap Mountain, l’episodio speciale incluso nel quarto volume.

L’ambiguo ed affascinante Yuda è invece l’assoluto protagonista di Ultimate Desire, un breve viaggio alle origini del personaggio, incluso nel quinto volume.

Nel sesto volume si parla invece dell’infanzia di Shin e della sua amicizia con Kenshiro. Succede nelle 16 pagine dell’episodio speciale  Right on King. Nello stesso volume trova posto un brevissimo crossover con la parodia di Evangelion.

Il settimo volume contiene non uno ma due episodi speciali (benché entrambi molto più brevi degli altri). In Golden Guy si parla di Falco e del giorno in cui si batté con Soria, mentre in USA – Ultimate Sadistic Action, il protagonista è un giovane e spericolato Ain. Nello stesso volume è presente un brevissimo crossover con Crows di Hiroshi Takahashi.

E per ora questo è quanto. Riuscirà Hokuto No Ken Gusto Fragola a replicare da noi il medesimo successo avuto in Giappone? Difficile a dirsi. Sicuramente si tratta di un manga molto particolare, indirizzato non solo a chi ha senso dell’umorismo, ma anche e soprattutto ad un pubblico in grado di comprendere le tante battute e gag spesso difficili da rendere con la stessa efficacia nella nostra lingua o da assimilare ai nostri usi e costumi, chiaramente diversi  da quelli di un giapponese medio. In tal senso fondamentale sarà il ruolo di chi curerà l’adattamento italiano. Planet Manga ne ha già combinate tante in passato e più volte l’ho fatto notare su questo sito, quindi un certo timore lo nutro, ma preferisco aspettare di averlo tra le mani prima di parlare.

E voi? Cosa ne pensate di questo manga e delle parodie sul mondo di Hokuto in generale? Scrivetelo nei commenti 😉

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8eS

 

Ringrazio Fabrizio “nannilo” Di Guida per la segnalazione

 

Annunci

Hokuto Ga Gotoku – Ancora nuovi personaggi

Continuano gli aggiornamenti su Hokuto Ga Gotoku, l’atteso nuovo videogame di SEGA dedicato a Ken il guerriero.  Solo qualche giorno fa avevamo parlato di Toki, Aili e Rei, ora tocca a 4 new entry piuttosto particolari.

RAOH

Il Re del Pugno, dominatore di fine secolo, primo dei quattro fratelli di Hokuto. Utilizza l’Hokuto Shinken per perseguire il suo cammino di conquista, volto a governare con la violenza l’epoca tumultuosa in cui vive.

RIHAKU

Uno dei pochi medici della città, si trova nell’ospedale di Eden. Uomo di sconfinata sapienza, al punto da non poter essere ritenuto un semplice medico, conosce bene le arti marziali e la situazione al di fuori dell’Eden.

NOTA: Per ora non è chiaro se il personaggio di Rihaku, qui presentato in maniera molto differente rispetto alla sua controparte classica, sia stato riscritto o viva, per così dire, “sotto copertura”.

TARUGA

Secondo in comando nell’Armata del Re del Male, a dispetto della superficialità con cui si esprime, è in realtà un individuo crudele e senza scrupoli. Padroneggia l’uso delle pistole, preziose nell’era in cui vive, ed ha appreso anche delle arti marziali che lo mettono molto al di sopra di un normale combattente.

LYRA

Donna dalle forme generose che ha in mano il mondo della notte di Eden, dai night club alle scommesse sui combattimenti al Colosseo. Donna dal carattere forte, ma allo stesso tempo saggia e fredda nei giudizi, è molto popolare anche fra le donne della città. Gode della piena fiducia di Xana, la sovrana dell’Eden.

In chiusura ricordiamo che Hokuto Ga Gotoku è previsto per il 2018 in Giappone come esclusiva PS4. Non ci sono, al momento, piani ufficiali per una localizzazione occidentale.

Ringrazio Carmine Napolitano per la traduzione

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8eC

 

Hirohiko Araki e Tetsuo Hara si incontrano per ricordare gli anni su Shonen Jump

Hirohiko Araki, autore de “Le Bizzarre Avventure di JoJo”, e Tetsuo Hara, papà di “Ken il guerriero”, si sono incontrati lo scorso 8 settembre nella cornice del  “Weekly Shonen Jump Exhibition VOL. 1 – Dal primo numero agli anni ’80 – L’inizio della leggenda”, la mostra evento (di cui abbiamo parlato qualche tempo fa) dedicata al 50° anniversario dello storico settimanale della Shueisha.

Nel corso dell’evento, denominato “Talk Show delle Leggende”, i due artisti hanno ricordato quegli anni d’oro, parlando del rapporto che avevano con i rispettivi editor, dei mangaka a cui più si sono ispirati e delle loro iniziative.

Araki ha raccontato dell’epoca del suo debutto e di quando il suo editor, Ryōsuke Kabashima (attualmente responsabile della divisione nuove testate di Shueisha), gli fece pressioni perché… facesse un viaggio in Egitto! Araki non amava viaggiare al’estero, ma ricorda quanto quell’esperienza gli sia poi stata d’aiuto nel momento in cui ha realizzato il terzo arco narrativo di JoJo (oggi noto come “Stardust Crusaders”). Un altro ricordo particolare è legato ad una volta in cui, disegnando qualcosa che ricordava molto da vicino i lavori di Hisashi Eguchi, Araki si è beccato una bella ramanzina sempre da Kabashima che, visibilmente alterato, gli ha intimato di non provare mai più a disegnare qualcosa di tanto derivativo. Questo, secondo l’autore, è stato l’evento che lo ha spinto poi ad andare in direzione esattamente opposta, portandolo alla creazione di JoJo.

Entrambi, Araki ed Hara, hanno in effetti sottolineato quanto era dura passare costantemente “sotto la scure” dei loro rispettivi editor. Ad esempio, Araki ha narrato di un episodio in particolare, che all’epoca lo ha colpito molto, riguardante un altro autore che piangeva mentre il suo editor gli diceva “questa roba è noiosa, la butto nel tritacarte”. Da allora, l’autore ha temuto spesso che gli potesse capitare una cosa del genere. Dal canto suo, il maestro Hara gli ha fatto eco aggiungendo: “Gli editor devono tenere a bada i mangaka e non le mandano a dire”.

Quindi ha parlato del rapporto che aveva Nobuhiko Horie, all’epoca suo editor ed ora con lui a capo della Coamix. “Di solito era affabile, ma la mia lentezza gli faceva venire l’aura come quella di Raoh. Sbatteva il pugno sulla scrivania gridando – ma possibile che hai fatto solo questo? -. Faceva paura”.

Hara ha quindi ricordato la prima volta in cui Horie ha letto le sue “Hidebu!” e “Abeshi!”, le ormai iconiche urla di morte dei crestoni di Ken il guerriero (di cui abbiamo parlato meglio qui). L’editor, senza mezzi termini, gli disse “Hai sbagliato a scrivere”, e a quel punto l’autore gli spiegò che si trattava invece di giochi parole con un proposito ben preciso ma dovette faticare non poco per convincerlo ad accettare quell’idea. “Gli editor tirano fuori il lato competitivo dei loro colleghi mangaka”, ha concluso Hara.

Quando gli è stato chiesto da quali artisti  ha tratto maggior ispirazione, il maestro non si è potuto esimere dal menzionare Tetsuya Chiba (Rocky Joe) e Katsuhiro Otomo (Akira). Su quest’ultimo ha condiviso un ricordo di gioventù, quando, avendo saputo che abitava a Kichijōji (un quartiere di Musashino, città conurbata con Tokyo), era andato fino a lì per cercarne la casa ma senza trovarla.

Hara ha infine fatto sorridere il pubblico quando, scherzando, ha dichiarato: “All’epoca pensavo di potermi guadagnare da vivere disegnando manga fino alla fine dei miei giorni. Alla fine è andata proprio così… e adesso me ne pento!”

Fonte: ANN

Ringrazio Daniel Zelter per la segnalazione

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8eh

 

KEN IL GUERRIERO – News in pillole (settembre 2017)

Eccoci con l’ormai consueto appuntamento mensile delle news in pillole. Stavolta forse meno corpose delle altre ma non meno interessanti. Andiamo a vedere 😉

 

Ken il guerriero su Kickstarter!

È stata lanciata su Kickstarter, la popolare piattaforma di crowdfunding, una campagna per la realizzazione di un prestigioso ebook contenente l’intera saga a fumetti di Hokuto No Ken!

Sì, avete letto bene! Tutta la storia nata per mano di Buronson e Tetsuo Hara racchiusa in un dispositivo con due schermi ad alta risoluzione creato appositamente per potersela gustare sia in lingua originale che in inglese. L’edizione inclusa sarà l’Extreme Edition pubblicata tra il 2013 ed il 2014, in occasione del 30° anniversario della serie. Questo significa che conterrà non solo un centinaio di tavole ridisegnate dal maestro Hara, ma anche il famoso capitolo bonus Last Piece, di cui abbiamo parlato approfonditamente all’epoca.

È importante notare che quest’operazione, che per noi può sembrare superflua, visto che abbiamo già diverse edizioni cartacee del manga originale in italiano, rappresenta l’unica opportunità, al momento, di averne un’edizione completa ed ufficiale in lingua anglofona.

Per tutti gli altri dettagli vi rimando direttamente su Kickstarter, sperando che quest’iniziativa ottenga tutto il sostegno possibile.

Hokuto Ga Gotoku: Toki e Aili saranno presenti nel gioco

Mentre aspettiamo novità dall’imminente Tokyo Game Show 2017, il sito nipponico Famitsu ci svela gli artwork di altri 3 personaggi che saranno presenti in Hokuto Ga Gotoku, il videogame prodotto da SEGA in uscita nel 2018 per PS4.

E se della presenza di Rei sapevamo già grazie al trailer ufficiale (e di conseguenza immaginavamo che nella storia fosse coinvolta anche sua sorella Aili), non ci aspettavamo invece la presenza di Toki, il secondo dei fratelli di Hokuto. A questo punto è ormai chiaro che il gioco presenterà una trama completamente svincolata dall’opera originale, cosa che potrebbe far storcere il naso a chi è cresciuto seguendo il cartone in TV ma che, al contrario, potrebbe rivelarsi il suo vero punto di forza, dando al giocatore la possibilità di vivere una storia non scontata e ricca di colpi di scena.

Hokuto No Ken incontra Quiz RPG: The World of Mystic Wiz

È in corso, fino al 2 di ottobre, una speciale collaborazione tra il mondo di Hokuto e The World of Mystic Wiz, un gioco di ruolo basato su quiz e carte per dispositivi Android e iOS. Durante il periodo della collaborazione potrà apparire nel gioco il personaggio di Raoh, mentre anche quiz e carte potranno diventare a tema Hokuto. Come al solito è un’operazione che non ci riguarda perché anche questo gioco pare non essere disponibile al di fuori del Giappone (o meglio, pare che lo fosse fino allo scorso gennaio ma poi il servizio è stato chiuso assieme ad altri dello stesso sviluppatore). Resta però godibilissimo ed esilarante lo spot pubblicitario che l’accompagna. Potrei stare a guardare la faccia di quel fulminato tutto il giorno…. 😂

Anche Keiji va a teatro

Dopo Hokuto No Ken – La leggenda dei crestoni di fine secolo, lo spettacolo teatrale andato in scena dal 6 al 10 settembre (e di cui faremo un approfondimento tra qualche giorno), anche la serie manga Gifuu Doudou!! di Tetsuo Hara e Nobuhiko Horie verrà portata sul palco da attori in carne ed ossa. Con la doppia performance di Hiroki Ino e Akira Kagimoto, la rappresentazione andrà in scena all’ AiiA 2.5 Theater di Tokyo dal 17 al 26 novembre 2017, e alla Miel Parque Hall di Osaka il 9 e il 10 dicembre.

La serie originale Gifuu Doudou!! è il manga erede di Hana No Keiji – Kumo No Kanata Ni (Keiji dei fiori – oltre le nuvole) ed ha iniziato ad essere serializzato dal 2008. L’arco più recente, Gifuu Doudou Naoe Kanetsugu- Maeda Keiji – Hanagatari (il racconto dei fiori) è attualmente in corso di pubblicazione sul mensile Comic Zenon. Nel manga viene ritratto Kanetsugu Naoe, amico fraterno di Keiji Maeda; sceneggiatura e direzione saranno affidate a Tsuyoshi Kida.

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8dx

Ringraziamenti:  Carmine Napolitano

Ken il guerriero – Ecco chi sono i suoi 4 nuovi avversari

Ne abbiamo parlato a luglio. Mi riferisco a Pachislot Hokuto No Ken Shin Densetsu Sōzō (パチスロ北斗の拳新伝説創造), l’ennesima slot dedicata a Ken il guerriero che verrà lanciata in Giappone il prossimo lunedì 4 settembre. Di seguito il trailer esteso:

Come già avevo accennato (e come potete vedere dal trailer), stavolta saranno inclusi ben 4 nuovi personaggi creati sotto la diretta supervisione del maestro Tetsuo Hara. Scopriamone insieme il background:

Bijama della Luce Cremisi

Il folle scienziato guerriero che ha costruito la Capitale

Un essere abbietto, la cui astuzia è riconosciuta perfino dal Viceré Jako, che brama in segreto Myou, la donna di Falco, motivo per il quale nutre uno smisurato odio nei confronti dello Shogun della Luce Dorata. Tale odio, in passato, lo ha portato a rivelare a Raoh l’ubicazione del villaggio in cui risiedeva l’Imperatore nella speranza che uccidesse Falco. Ma la sua meschinità non finisce qui, perché egli è anche il responsabile dell’ideazione del piano che ha portato ad imprigionare l’Imperatore stesso. Come si poteva vedere nel trailer postato la volta scorsa, questo personaggio sembra anche dotato di protesi meccaniche simili a quelle del pirata Akashachi (Pirata Rosso, per i fedeli al doppiaggio italiano).

Asura della Luce Bianca

Colui che ha consacrato la sua vita all’Imperatore del Cielo

Maestro del Gento Kouken e dotato di un talento naturale per il combattimento, è noto per essere una spietata macchina di morte, ma non è sempre stato così. La sua personalità è cambiata radicalmente a causa delle macchinazioni di Jako e Bijama, che gli hanno portato via l’unica donna che ha amato e assieme alla quale è cresciuto: Luise, l’Imperatore del Cielo.

Batoro della Luce Azzurra

Ha messo il suo pugno al servizio di Falco

Ex tutore di Luise e Shogun dell’Impero, nutre per Falco una profonda stima dal giorno in cui questi ha sacrificato la sua stessa gamba per respingere Raoh e le sue truppe. Da allora lo segue fedelmente e, come lui, si è sottomesso al volere del Viceré Jako perché teme per l’incolumità dell’Imperatore.

Oguru della Luce Verde

L’anziano Shogun che ha addestrato Bart

Nonostante sia uno Shogun dell’Impero, mal sopporta gli ordini di Jako, ma il destino beffardo lo porterà comunque a scontrarsi con Bart, il ribelle che egli stesso ha addestrato anni prima, forgiandone corpo e spirito.

NOTA: Per evitare confusione è bene chiarire che questo pachislot (come praticamente tutto il resto del merchandise odierno a tema Hokuto) è basato esclusivamente sul manga originale e non sull’anime storico, che è invece a tutt’oggi una produzione a sé stante i cui diritti di sfruttamento sono ancora saldamente in mano a Toei. Di conseguenza Boltz e Taiga, personaggi esclusivi dell’anime, non solo non compaiono, ma vengono qui rimpiazzati dai nuovi personaggi.

Come dicevo la volta scorsa, c’è la concreta possibilità che ai quattro personaggi venga dedicato perlomeno qualche speciale episodio manga su Comic Zenon (come successe a suo tempo con Garuda) ma, al di là di tutto questo, come al solito è triste constatare che la macchinetta mangiasoldi vanterà numerose sequenze animate che avrebbero potuto tranquillamente far parte di una nuova serie di film e OAV sullo stampo della precedente Pentalogia (tantopiù che siamo in clima di 35° anniversario…) . Di seguito una gallery con alcuni esempi:

Sappiamo ormai bene che gli introiti che possono garantire pachinko e pachislot sono enormemente superiori a qualsiasi altro prodotto, ma ogni volta che della buona animazione viene usata così, un po’ muoio dentro. E voi che ne pensate? Scrivetelo nei commenti 😉

Ringraziamenti: Aisanbou (per le info sui personaggi) e Carmine Napolitano (per la traduzione)

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8cL

Ken il guerriero su PS4 – Prime informazioni su trama, personaggi e gameplay

Dopo il sensazionale annuncio dell’altro ieri, eccoci di nuovo a parlare di Hokuto Ga Gotoku, l’ormai attesissimo videogame per PS4 prodotto da SEGA e sviluppato dal team della serie Yakuza. Iniziano infatti a trapelare nuove informazioni e possiamo quindi gettare uno sguardo più approfondito a quello che già si preannuncia come uno dei titoli più interessanti mai realizzati su Ken.

Una nuova leggenda

Come già avevamo detto, quella di Hokuto Ga Gotoku sarà una storia inedita in cui però, come si può facilmente evincere anche dal trailer, non mancherà la presenza di personaggi ben noti ai fan della serie. A quanto pare la storia sarà collocata dopo lo scontro finale tra Kenshiro e Shin, con la conseguente rivelazione di quest’ultimo circa la morte di Julia, aspetto della saga originale che ormai conosciamo a memoria.

Seguiremo quindi il cammino di un Kenshiro che, in preda alla disperazione, si appiglierà a delle voci che vorrebbero in realtà Julia viva e vegeta all’interno della fantomatica Eden, la cosiddetta “città dei miracoli”, un luogo in cui non sono ammessi stranieri e in cui, tra svariati comfort come acqua e corrente elettrica, ormai scomparsi nel mondo esterno, sembra regnare la pace.

Personaggi vecchi e nuovi

Se di Shin e Julia già conosciamo tutto, lo stesso non si può certo dire dei primi 3 dei nuovi personaggi che animeranno questa inedita storia del successore di Hokuto:

XANA

Figlia del precedente capo della vasta comunità che popola Eden, questa ragazza cerca di governare in modo giusto, andando incontro alle necessità della gente.

JUGGLE

Comandante del corpo di guardia di Eden, dopo aver visto Kenshiro in azione ed aver constatato la potenza dell’Hokuto Shinken, deciderà di farlo imprigionare perché troppo pericoloso. Col tempo, tuttavia, gli aprirà il suo cuore e ne diventerà un amico fidato.

IL RE DEL MALE

Personaggio misterioso tanto quanto la sua arte marziale, è ossessionato dall’idea di impadronirsi di Eden, a cui periodicamente sferra attacchi grazie alla sua armata.

Degli altri personaggi visti nel trailer, Rei e Devil Rebirth, ancora non è stato detto nulla. Per quello che riguarda il maestro dell’Uccello d’Acqua di Nanto si può comunque dedurre, in base al trailer, che la sua presenza sarà legata ad un duello in un’arena. La cosa non è strana perché, come ben sa chi ha familiarità con Yakuza, le arene in cui combattere sono presenti in ogni capitolo della serie. È possibile che il guerriero di Nanto sia giunto a Eden sulle tracce della sorella rapita e che si ritrovi infine a combattere contro Kenshiro (interessante il fatto che Ken ha le sette cicatrici in bella mostra durante la lotta) per i più svariati motivi. Certo è che, se così fosse, ciò riscriverebbe la trama originale, presentando il primo incontro tra i due personaggi in circostanze molto diverse rispetto a quelle che conosciamo da più di 3 decenni e sarebbe un indizio importante sulle intenzioni degli sviluppatori, ovvero narrare una storia imprevedibile e senza reali vincoli con quella della serie classica. È vero che è ancora presto per dirlo con assoluta certezza, ma nell’ottica di un videogame, soprattutto dopo che abbiamo avuto i due precedenti capitoli di Ken’s Rage a raccontarci la storia del manga dall’inzio alla fine (più o meno), non si può non sottolineare come la cosa sia da vedere in maniera assolutamente positiva.

Struttura di gioco

Come da tradizione, Hokuto Ga Gotoku sarà un action adventure con struttura open world. Kenshiro sarà quindi in grado di esplorare in lungo e in largo la città di Eden senza particolari restrizioni, completando obiettivi sia principali che secondari e affrontando anche numerosi minigiochi (come quello dello shaker visto nel trailer e che tanto ha fatto storcere il naso ad alcuni).

Il sistema di combattimento, ormai rodato da anni di capitoli della serie Yakuza, sarà appagante e ricco di Quick Time Event volti a renderlo più spettacolare. Durante l’avventura il protagonista avrà anche modo di acquisire nuove tecniche di Hokuto.

Il gioco, tuttavia, non si limiterà a prendere la formula di Yakuza e riproporla in salsa Hokuto. Stando infatti alle parole degli sviluppatori, l’intenzione è di inserire degli elementi peculiari riguardanti Hokuto No Ken per soddisfarne gli appassionati.

Il sondaggio di SEGA

Incerta sul riscontro che il titolo potrebbe avere in occidente, SEGA ha lanciato un sondaggio ufficiale rivolto non solo ai fan di Hokuto ma anche di Yakuza. Il link è il seguente:

http://yakuza.sega.com/RGGStudioAnnouncementSurvey/

E’ importante sottolineare che, al momento, NON ci sono piani per una release di Hokuto Ga Gotoku al di fuori del Giappone, quindi tale sondaggio è un’occasione unica per tutti i fan di Ken il guerriero di far sentire la propria voce in merito.

Prossimamente

Oltre alle rivelazioni che verranno date al Tokyo Game Show, il prossimo 14 settembre sarà pubblicato in Giappone un numero speciale di Famitsu contenente altri approfondimenti e interviste a Tetsuo Hara, al produttore e agli sviluppatori del gioco. Quindi, stay tuned for more 😉

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8ck

 

 

Ringraziamenti: MusashiMiyamoto, Carmine Napolitano e Calogero Piazza

KEN IL GUERRIERO TORNA SU PS4 NEL 2018

Come avevamo pronosticato poco tempo fa, l’approssimarsi del Tokyo Game Show ha portato buone notizie per tutti i fan del successore di Hokuto. Stavolta, però, la cosa sembra essere andata oltre le nostre più rosee aspettative, perché Hokuto Ga Gotoku, il nuovissimo videogame che scenderà “come un fulmine dal cielo” sulle nostre PS4 nel 2018 (in concomitanza con il 35° anniversario della serie), sarà prodotto da SEGA e sviluppato dal team della famosa e fortunata serie Yakuza (Ryu Ga Gotoku, in Giappone). Di seguito, il trailer presentato ad una manifestazione tenuta oggi dalla software house:

 

I creatori del gioco ci tengono a precisare che, a dispetto del titolo, il gioco non si limiterà ad essere un nuovo capitolo di Yakuza con i personaggi di Hokuto No Ken e, anzi, narrerà una storia totalmente inedita, relativa ad una città leggendaria chiamata Eden, in cui i residenti possono godere di parecchi comfort, come luce elettrica ed acqua corrente, che nel resto del mondo sono scomparsi. Kenshiro vi arriverà mentre è alla disperata ricerca della sua amata Julia ed affronterà quindi nuove sfide e nuovi avversari.

Dalla descrizione non è facile capire se la trama sarà collocabile all’interno della saga originale o se si tratterà di una storia completamente slegata dalla già molto confusa “continuity” dell’universo di Hokuto, ma, come sempre, vi invitiamo a restare sintonizzati per saperne di più 😉

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8c4