Raoh Ceremony Sookon-Shiki (Evento – 2007)

Il 18 aprile 2007 si è tenuto a Tokyo questo bizzarro evento dedicato ad un vero e proprio funerale in onore di Raoh. L’evento, legato al film Raoh Gaiden – Gekito No Sho, è stato talmente particolare da meritarsi un articolo sul Times di Londra, di cui potete leggere la traduzione:

FUNERALE DI FANTASIA CON MIGLIAIA DI PERSONE IN LUTTO (di Leo Lewis per il Times)

La campana di un solitario tempio suonata nella notte di Tokyo. Sette sacerdoti cantilenavano il lamento per i morti. Migliaia di vestiti di nero lutto solennemente in coda sotto la pioggia per offrire incenso e preghiere al loro eroe caduto, Raoh.
Mentre le lacrime scorrevano sulle guance delle persone in lutto, pochi sembravano preoccupati che nessuno fosse davvero morto.
Infatti, anche se Raoh esiste solo nel mondo fantastico dei manga e degli anime, il dolore vissuto dai giapponesi al suo funerale di ieri era reale.
“Era come una figura paterna per me”, ha detto Makoto Sounodai, uno studente di 21 anni di Tokyo. “Provo per lui il che  gli occidentali provano per Elvis.”
Roland Celti, dell’Università di Tokyo, un esperto di anime, ha descritto la scena al tempio Koyasan Betsuin di Tokyo ieri sera come “forse la più estrema confusione tra realtà e  fantasia che la cultura pop giapponese abbia mai prodotto”. La piena shokonshiki buddista, o cerimonia dell’elevazione dello spirito, ha rappresentato la prima volta che un tempio giapponese abbia tenuto il funerale per un personaggio immaginario.
Come arcinemico di uno dei più amati – e più violenti – fumetti giapponesi, Raoh ha una base di fan ampia quanto quella di qualsiasi stella della musica o dei film. “Raoh ci ha mostrato la forza interiore degli uomini e ha dimostrato che la forza può dominare il mondo tanto efficacemente quanto l’amore “, dice una  singhiozzante fan trentottenne che si faceva chiamare Reina, come che uno dei personaggi della storia.
Poiché i posti a sedere all’interno del tempio erano straripanti, 2.500 persone in lutto hanno asistito  alla lunga cerimonia sui maxischermi esterni. Coloro con i posti a sedere nella parte anteriore, tra i quali i disegnatori e i doppiatori coinvolti nella serie, toccavano i loro rosari buddisti mentre l’anima di Raohveniva “restituita alla sua stella madre “.
In Hokuto No Ken, manga  iniziato negli anni ’80, Raoh è un grande e spietato tiranno la cui crudeltà e sete di potere lo rendono supremo nelle futuristiche e postapocalittiche terre desolate . Fratello di Raoh ed eroe della serie, Kenshiro ha lottato per sconfiggere questo despota per quasi tre decenni e, nell’ultimo film, ci è riuscito.
Anche se l’azione in Hokuto No Ken include arti recisi e sanguinose esecuzioni, molti ammirarano la serie per le sue complesse trame e dilemmi morali. Tsurugai Keiko, 35 anni, madre di tre figli, ha detto che il suo amore per questo fumetto nasce dal modo in cui affronta la dicotomia di amore e odio tra fratelli.
Il funerale sottolinea il ruolo centrale che il fumetto e l’animazione svolgono nella vita dei giapponesi medi. Nonostante la distrazioni di SMS e videogiochi portatili, il manga rimane il materiale di lettura preferito per i lunghissimi viaggi che molti pendolari devono sopportare. Per molti, i manga rivestono la stessa funzione di intrattenimento di comici, stelle delle soap e attori del cinema.

———————————————————————–

All’evento, oltre a Tetsuo Hara, Nobuhiko Horie e tanti altri ospiti, erano presenti anche Yuki Kajiura e Wakana Ootaki, che hanno eseguito il brano “Where the lights are”. Ci sono state poi esibizioni di danza a cura del corpo di ballo “Thunder Dance”.

GALLERIA IMMAGINI

Annunci