Ken il guerriero su PS4 – Svelata la data d’uscita

E’ stata rivelata, durante la conferenza stampa di Sony al Tokyo Game Show, la data d’uscita di Hokuto Ga Gotoku in territorio nipponico: il 22 febbraio 2018.

L’edizione standard costerà 8.390 yen (poco più di 60 euro), mentre è prevista una Seikimatsu Premium Edition (Edizione Premium Fine del Secolo) che includerà nel prezzo (non ancora specificato) alcuni DLC, tra i quali la possibilità di cambiare l’aspetto di Kenshiro in quello di Kazuma Kiryu (il protagonista della serie Yakuza), quella di settare Ai wo torimodose!! e TOUGH BOY come musiche all’interno del gioco, un tema disegnato da Tetsuo Hara e, tra l’equipaggiamento, un misterioso “Amuleto del fato astrale” che sarà incluso nel “Nanto Goshasei set”.

AGGIORNAMENTO!!

Mentre pubblicavo l’articolo, da Famitsu sono spuntate nuove immagini che non solo ci svelano la presenza di Jagi e Souther, ma anche alcune nuove scene che ci incuriosiscono ancor di più riguardo alla trama (che, lo ricordiamo, non seguirà quella dell’opera originale). In esse si possono notare, in particolare, un presunto rapimento di Xana da parte del Sacro Imperatore ed un combattimento tra Kenshiro e Toki!

In aggiunta a tutto questo, è stato rivelato anche un nuovo entusiasmante trailer:

Altre informazioni saranno rivelate nei prossimi giorni sempre al Tokyo Game Show. Per essere sempre aggiornati, continuate a seguirci 😉

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8fL

 

Ringraziamenti:  Carmine Napolitano

 

Annunci

Hokuto Ga Gotoku – Ancora nuovi personaggi

Continuano gli aggiornamenti su Hokuto Ga Gotoku, l’atteso nuovo videogame di SEGA dedicato a Ken il guerriero.  Solo qualche giorno fa avevamo parlato di Toki, Aili e Rei, ora tocca a 4 new entry piuttosto particolari.

RAOH

Il Re del Pugno, dominatore di fine secolo, primo dei quattro fratelli di Hokuto. Utilizza l’Hokuto Shinken per perseguire il suo cammino di conquista, volto a governare con la violenza l’epoca tumultuosa in cui vive.

RIHAKU

Uno dei pochi medici della città, si trova nell’ospedale di Eden. Uomo di sconfinata sapienza, al punto da non poter essere ritenuto un semplice medico, conosce bene le arti marziali e la situazione al di fuori dell’Eden.

NOTA: Per ora non è chiaro se il personaggio di Rihaku, qui presentato in maniera molto differente rispetto alla sua controparte classica, sia stato riscritto o viva, per così dire, “sotto copertura”.

TARUGA

Secondo in comando nell’Armata del Re del Male, a dispetto della superficialità con cui si esprime, è in realtà un individuo crudele e senza scrupoli. Padroneggia l’uso delle pistole, preziose nell’era in cui vive, ed ha appreso anche delle arti marziali che lo mettono molto al di sopra di un normale combattente.

LYRA

Donna dalle forme generose che ha in mano il mondo della notte di Eden, dai night club alle scommesse sui combattimenti al Colosseo. Donna dal carattere forte, ma allo stesso tempo saggia e fredda nei giudizi, è molto popolare anche fra le donne della città. Gode della piena fiducia di Xana, la sovrana dell’Eden.

In chiusura ricordiamo che Hokuto Ga Gotoku è previsto per il 2018 in Giappone come esclusiva PS4. Non ci sono, al momento, piani ufficiali per una localizzazione occidentale.

Ringrazio Carmine Napolitano per la traduzione

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8eC

 

Ken il guerriero su PS4 – Prime informazioni su trama, personaggi e gameplay

Dopo il sensazionale annuncio dell’altro ieri, eccoci di nuovo a parlare di Hokuto Ga Gotoku, l’ormai attesissimo videogame per PS4 prodotto da SEGA e sviluppato dal team della serie Yakuza. Iniziano infatti a trapelare nuove informazioni e possiamo quindi gettare uno sguardo più approfondito a quello che già si preannuncia come uno dei titoli più interessanti mai realizzati su Ken.

Una nuova leggenda

Come già avevamo detto, quella di Hokuto Ga Gotoku sarà una storia inedita in cui però, come si può facilmente evincere anche dal trailer, non mancherà la presenza di personaggi ben noti ai fan della serie. A quanto pare la storia sarà collocata dopo lo scontro finale tra Kenshiro e Shin, con la conseguente rivelazione di quest’ultimo circa la morte di Julia, aspetto della saga originale che ormai conosciamo a memoria.

Seguiremo quindi il cammino di un Kenshiro che, in preda alla disperazione, si appiglierà a delle voci che vorrebbero in realtà Julia viva e vegeta all’interno della fantomatica Eden, la cosiddetta “città dei miracoli”, un luogo in cui non sono ammessi stranieri e in cui, tra svariati comfort come acqua e corrente elettrica, ormai scomparsi nel mondo esterno, sembra regnare la pace.

Personaggi vecchi e nuovi

Se di Shin e Julia già conosciamo tutto, lo stesso non si può certo dire dei primi 3 dei nuovi personaggi che animeranno questa inedita storia del successore di Hokuto:

XANA

Figlia del precedente capo della vasta comunità che popola Eden, questa ragazza cerca di governare in modo giusto, andando incontro alle necessità della gente.

JUGGLE

Comandante del corpo di guardia di Eden, dopo aver visto Kenshiro in azione ed aver constatato la potenza dell’Hokuto Shinken, deciderà di farlo imprigionare perché troppo pericoloso. Col tempo, tuttavia, gli aprirà il suo cuore e ne diventerà un amico fidato.

IL RE DEL MALE

Personaggio misterioso tanto quanto la sua arte marziale, è ossessionato dall’idea di impadronirsi di Eden, a cui periodicamente sferra attacchi grazie alla sua armata.

Degli altri personaggi visti nel trailer, Rei e Devil Rebirth, ancora non è stato detto nulla. Per quello che riguarda il maestro dell’Uccello d’Acqua di Nanto si può comunque dedurre, in base al trailer, che la sua presenza sarà legata ad un duello in un’arena. La cosa non è strana perché, come ben sa chi ha familiarità con Yakuza, le arene in cui combattere sono presenti in ogni capitolo della serie. È possibile che il guerriero di Nanto sia giunto a Eden sulle tracce della sorella rapita e che si ritrovi infine a combattere contro Kenshiro (interessante il fatto che Ken ha le sette cicatrici in bella mostra durante la lotta) per i più svariati motivi. Certo è che, se così fosse, ciò riscriverebbe la trama originale, presentando il primo incontro tra i due personaggi in circostanze molto diverse rispetto a quelle che conosciamo da più di 3 decenni e sarebbe un indizio importante sulle intenzioni degli sviluppatori, ovvero narrare una storia imprevedibile e senza reali vincoli con quella della serie classica. È vero che è ancora presto per dirlo con assoluta certezza, ma nell’ottica di un videogame, soprattutto dopo che abbiamo avuto i due precedenti capitoli di Ken’s Rage a raccontarci la storia del manga dall’inzio alla fine (più o meno), non si può non sottolineare come la cosa sia da vedere in maniera assolutamente positiva.

Struttura di gioco

Come da tradizione, Hokuto Ga Gotoku sarà un action adventure con struttura open world. Kenshiro sarà quindi in grado di esplorare in lungo e in largo la città di Eden senza particolari restrizioni, completando obiettivi sia principali che secondari e affrontando anche numerosi minigiochi (come quello dello shaker visto nel trailer e che tanto ha fatto storcere il naso ad alcuni).

Il sistema di combattimento, ormai rodato da anni di capitoli della serie Yakuza, sarà appagante e ricco di Quick Time Event volti a renderlo più spettacolare. Durante l’avventura il protagonista avrà anche modo di acquisire nuove tecniche di Hokuto.

Il gioco, tuttavia, non si limiterà a prendere la formula di Yakuza e riproporla in salsa Hokuto. Stando infatti alle parole degli sviluppatori, l’intenzione è di inserire degli elementi peculiari riguardanti Hokuto No Ken per soddisfarne gli appassionati.

Il sondaggio di SEGA

Incerta sul riscontro che il titolo potrebbe avere in occidente, SEGA ha lanciato un sondaggio ufficiale rivolto non solo ai fan di Hokuto ma anche di Yakuza. Il link è il seguente:

http://yakuza.sega.com/RGGStudioAnnouncementSurvey/

E’ importante sottolineare che, al momento, NON ci sono piani per una release di Hokuto Ga Gotoku al di fuori del Giappone, quindi tale sondaggio è un’occasione unica per tutti i fan di Ken il guerriero di far sentire la propria voce in merito.

Prossimamente

Oltre alle rivelazioni che verranno date al Tokyo Game Show, il prossimo 14 settembre sarà pubblicato in Giappone un numero speciale di Famitsu contenente altri approfondimenti e interviste a Tetsuo Hara, al produttore e agli sviluppatori del gioco. Quindi, stay tuned for more 😉

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8ck

 

 

Ringraziamenti: MusashiMiyamoto, Carmine Napolitano e Calogero Piazza

KEN IL GUERRIERO TORNA SU PS4 NEL 2018

Come avevamo pronosticato poco tempo fa, l’approssimarsi del Tokyo Game Show ha portato buone notizie per tutti i fan del successore di Hokuto. Stavolta, però, la cosa sembra essere andata oltre le nostre più rosee aspettative, perché Hokuto Ga Gotoku, il nuovissimo videogame che scenderà “come un fulmine dal cielo” sulle nostre PS4 nel 2018 (in concomitanza con il 35° anniversario della serie), sarà prodotto da SEGA e sviluppato dal team della famosa e fortunata serie Yakuza (Ryu Ga Gotoku, in Giappone). Di seguito, il trailer presentato ad una manifestazione tenuta oggi dalla software house:

 

I creatori del gioco ci tengono a precisare che, a dispetto del titolo, il gioco non si limiterà ad essere un nuovo capitolo di Yakuza con i personaggi di Hokuto No Ken e, anzi, narrerà una storia totalmente inedita, relativa ad una città leggendaria chiamata Eden, in cui i residenti possono godere di parecchi comfort, come luce elettrica ed acqua corrente, che nel resto del mondo sono scomparsi. Kenshiro vi arriverà mentre è alla disperata ricerca della sua amata Julia ed affronterà quindi nuove sfide e nuovi avversari.

Dalla descrizione non è facile capire se la trama sarà collocabile all’interno della saga originale o se si tratterà di una storia completamente slegata dalla già molto confusa “continuity” dell’universo di Hokuto, ma, come sempre, vi invitiamo a restare sintonizzati per saperne di più 😉

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8c4

 

 

 

KEN IL GUERRIERO – News in pillole (luglio 2017)

“Luglio m’ha fatto una promessa, l’amore porterà”, cantava Riccardo Del Turco. A me, almeno per ora, l’unica cosa che m’ha portato questo mese di luglio è un caldo pazzesco che ben poco si concilia con lo stare davanti ad un PC a scrivere e molto più, invece, con lo stare a mollo nelle rinfrescanti acque dell’Adriatico (e vivendo a due passi dalla spiaggia, figuratevi…). Comunque, anche tra una granita alla menta ed una partita a racchettoni, un po’ di tempo per l’Hokuto lo si trova sempre. Ecco quindi alcune delle notizie più recenti sul nostro amato Kenshiro. Buona lettura 😉

 

Kenshiro e i Falchi di Fukuoka

Nuova collaborazione fra Hokuto No Ken e i Fukuoka Softbank Hawks, squadra di Pro-baseball giapponese. A partire da oggi, 17 luglio, in occasione del “Festival dei Falchi”, evento organizzato dalla stessa squadra, saranno infatti disponibili la t-shirt e l’asciugamano ritraenti Kenshiro con indosso la “Wonderful Stripe”, l’uniforme degli Hawks. Tutto per la modica cifra di circa 25 euro (maglietta) e 17 euro (asciugamano).

50 anni di Shonen Jump

Pubblicato per la prima volta l’11 luglio del 1968, il mitico settimanale Shonen Jump festeggerà nel 2018 il suo 50° anniversario. In vista di tale evento, a partire da domani, 18 luglio, e fino al 15 ottobre, verrà aperta al pubblico una mostra denominata Weekly Shonen Jump Exhibition VOL. 1 – Dal primo numero agli anni ’80 – L’inizio della leggenda, che ripercorrerà, come da titolo, la storia dell’esordio della rivista fino al suo vero e proprio boom negli anni ’80 del secolo scorso. Quindi, oltre a Dragon Ball, Jojo, City Hunter, I Cavalieri dello Zodiaco, Holly e Benji, Dr. Slump e Arale, Occhi di Gatto, Yu Yu HakushoVideo Girl Ai, Kinnikuman e tantissimi altri, non può di certo mancare all’appello Ken il guerriero!

A corredo di tutto questo, la Bandai Namco ha lanciato Weekly Shonen Jump Orecollection!, un gioco di carte collezionabili – disponibile per dispositivi iOS e Android – in cui le carte in questione sono rappresentate dalle scene più epiche e famose dei manga che hanno fatto la storia del settimanale, ivi incluso, appunto, Hokuto No Ken.

A seguire, un divertente spot dello stesso…

Jagi e i crestoni alla ribalta

Si tratta di una notizia di cui abbiamo già ampiamente parlato ma, per completezza, ne riporto qui gli sviluppi più recenti. Circa due settimane fa, per l’esattezza il 4 luglio, c’è stata la presentazione ufficiale del cast che reciterà in “Hokuto No Ken – La leggenda dei crestoni di fine secolo”, la famigerata rappresentazione teatrale che vedrà protagonisti le tutti quei nemici da mezza tacca che hanno trovato la morte nei modi più disparati (e spesso ridicoli) per mano di Ken.

Per l’occasione è stato anche pubblicato un trailer che ci illustra chi si ergerà a capobanda di questa schiera di sfigati postatomici. Eccolo…

Kenshiro contro nuovi avversari!?

Chiudiamo con questa “chicca”, se così si può chiamare, che riguarda l’ennesimo pachislot dedicato ad Hokuto No Ken e che verrà introdotto sul mercato a settembre.

La Sammy, come sempre artefice di queste macchinette mangiasoldi, ha pubblicato un video promozionale che lascia intravedere ben 4 nuovi personaggi che faranno parte di un capitolo del tutto inedito creato esclusivamente per il suddetto pachislot!

Qui sotto le immagini…

In realtà questo tipo di operazione ha già dei precedenti. Qualche anno fa toccò a Cyber Blue (come riportato qui) mentre, per il trentennale di Hokuto No Ken, venne appositamente creato il personaggio di Garuda (vedere qui). In entrambi i casi, vennero prodotti anche dei manga spin-off con all’interno i personaggi stessi, quindi c’è da aspettarsi che, a cavallo dell’uscita del pachislot, vedremo anche qualcosa di cartaceo  (al 99,9% NON realizzato da Buronson e Hara) che ci metterà al corrente della nuova sfida di Kenshiro.

Per questo e per altri aggiornamenti, restate sintonizzati! 👊

Ringrazio per la collaborazione Carmine Napolitano e Ivan Di Loreto

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-8a7

 

KEN IL GUERRIERO – News in pillole giugno 2017

Come è già capitato altre volte, ecco un altro dei miei post riassuntivi con le ultime su Hokuto No Ken e dintorni. Partiamo allora dal sito ufficiale giapponese che, in vista del 35° anniversario, già da qualche settimana si è rifatto il trucco, mostrandoci un’interfaccia grafica nuova ed accattivante.

I contenuti sono tuttavia pressoché gli stessi, ma è simpatica la trovata, nella sezione dedicata ai personaggi, di inserire una graduatoria su quelli più cliccati.

Passiamo poi a due collaborazioni. La prima vede i personaggi del mondo di Hokuto invadere quello di Tanken Driland, un RPG per dispositivi mobili  sviluppato da GREE . Il gioco, che in Giappone gode addirittura di un adattamento manga ed 88 episodi anime, vede i partecipanti nei panni di cacciatori intenti a collezionare speciali carte con cui combattere mostri e impossessarsi dei loro tesori. Dal 7 al 15 giugno, Kenshiro e soci diverranno quindi un esclusivo set di carte, ognuna con le sue capacità speciali.

La seconda è invece con il Manga RPG Gangroad Joker, in cui i giocatori si battono per la conquista delle strade di Tokyo… sempre a colpi di carte. La durata di questa collaborazione va dal 12 giugno al 14 luglio ma, in entrambi i casi, parliamo comunque di app che (come al solito) non sono disponibili per il mercato occidentale.

E restando nell’ambito delle esclusive riservate agli abitanti di Giappolandia, è il caso di menzionare Manga Hot, una nuova app nata con l’intento di distribuire in forma digitale le diverse serie pubblicate su Comic Zenon.

Disponibile per dispositivi iOS e Android, Manga Hot si differenzia da altri servizi perché è totalmente gratuita. Sì, avete capito bene, tutto gratis. Quindi, a patto di sottostare a dei limiti di tempo e quantità, tutti gli utenti registrati potranno leggere sui propri smartphone e tablet i manga desiderati (fino al 4 giugno è stato possibile, per esempio, leggere per intero Hokuto No Ken ed Angel Heart). Nel catalogo saranno presenti anche i lavori dei partecipanti al Silent Manga Audition, il concorso internazionale lanciato da Coamix di cui tante volte abbiamo parlato su questo sito.

A seguire è doveroso segnalare l’esistenza di questa magnifica t-shirt di Raoh!

Se siete pratici con il nipponico idioma, potete ordinarla direttamente dallo shop online di Comic Zenon per circa 27 euro.

Ma parliamo un po’ di Fist of the North Star Ken’s Rage. Da quando ho pubblicato la news sui preparativi per il 35° anniversario di Hokuto No Ken, molti sono stati quelli che hanno espresso la speranza di un nuovo gioco della serie. Anche se Koei al momento tace, possiamo guardare al mercato giapponese e vedere che, proprio lo scorso marzo, la Sammy ha sfornato un nuovo pachinko dal titolo Pachinko CR Shin Hokuto Musou Mugen Touran.

Se da un lato la cosa può sembrare scoraggiante, perché si ha come l’impressione che ormai Ken’s Rage abbia imboccato il tunnel senza fine dei pachinko e dei pachislot (questo dovrebbe essere il secondo o addirittura il terzo…), d’altro canto ci conferma che il titolo è tutto tranne che morto e sepolto. Questo significa che non è assolutamente da escludere un annuncio di Koei, magari già al prossimo Tokyo Game Show di settembre. Quindi restate sintonizzati. 😉

Chiudiamo con un paio di notizie che riguardano l’Italia. La prima a proposito della presenza di Masami Suda al Roma Cartoon Festival, cosa di cui abbiamo parlato poco tempo addietro.

Per tutti i fortunati che si sono aggiudicati un posto per l’autografo del maestro, l’appuntamento è per sabato 24 dalle ore 18:00 e per domenica 25 dalle ore 17:00 presso la stanza dedicata nell’Area Disegnatori. Per tutti gli altri, invece, ci sarà la possibilità di assistere ad un’intervista al maestro nell’Area Palco dalle ore 17:00 di sabato 24 giugno.

L’altra, invece, è relativa a Ikusa No Ko – Oda Saburo Nobunaga Den, l’ultimo manga del maestro Tetsuo Hara. La GOEN ha finalmente deciso – dopo più di 2 anni dal primo – di pubblicarne il secondo volume.

Con il titolo italiano “La Leggenda di Oda Saburo Nobunaga”, il manga dovrebbe (mai come in questo caso il condizionale è d’obbligo) spuntare sugli scaffali delle librerie specializzate a partire dal 17 giugno. Se ancora non conoscete quest’opera, potete cliccare qui e leggere la recensione del primo volume accompagnata da una bella intervista a Tetsuo Hara. Speriamo bene e speriamo soprattutto che il terzo volume non lo debbano leggere i nostri nipoti. 😂

– Ringrazio Carmine Napolitano per la collaborazione –

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-883

 

Ken il guerriero – La Battaglia di Fine Secolo

Lo scorso 19 marzo si è svolto in Giappone il Seikimatsu Butō-kai (世紀末武闘会 – Battaglia di Fine Secolo), l’annuale torneo che vede sfidarsi i migliori giocatori di Hokuto No Ken,  il noto picchiaduro ad incontri realizzato nel 2005 dagli stessi sviluppatori della serie Guilty Gear per il mercato arcade e poi approdato nel 2007 anche su PS2.

[Cliccate qui per una dettagliatissima scheda sul gioco]

Trattandosi di un evento che nel corso degli anni ha acquisito sempre più visibilità, tanto da meritarsi la diretta streaming sul portale Twitch, famoso tra i gamer di tutto il mondo, il sito Shoryuken.com – forse il più importante in assoluto sulla scena dei tornei professionistici di picchiaduro ad incontri – ha pensato bene di dedicargli un lungo reportage. Avendo trovato la lettura interessante e piacevole, ho pensato di riassumere un po’ quello che vi è scritto in modo da fare un po’ di luce su un aspetto del mondo di Hokuto di cui ero sì a conoscenza ma che non avevo mai approfondito davvero.

Premesse fondamentali

Una delle cose che l’autore dell’articolo ci tiene subito a precisare è che il picchiaduro di Hokuto No Ken si è fatto in Giappone (e non solo) la reputazione di Kusoge (letteralmente “gioco di merda”), perché si tratta di un titolo fortemente sbilanciato. Questo non gli ha impedito comunque di ritagliarsi una bella nicchia di appassionati e di rientrare fra i giochi della prestigiosa competizione Super Battle Opera Tougeki, indetta annualmente dalla rivista nipponica Arcadia almeno fino al 2012, anno in cui è stata sospesa a tempo indefinito.  Proprio in quell’anno il signor Matsuda, ex organizzatore del Tougeki,  indice il primo Seikimatsu Butō-kai assieme a K.I., giocatore professionista che da allora diventerà anche campione incontrastato di tutte le successive edizioni della nuova competizione. Almeno fino ad oggi…

K.I., il detentore del titolo

Il 6° Seikimatsu Butō-kai

L’ultima edizione del torneo ha avuto luogo nell’e-sports Square Akiba, un locale situato nel famoso quartiere di Akihabara, a Tokyo, e che è divenuto ormai fulcro di tutti i più importanti eventi legati al mondo delle FGC (Fighting Games Competitions). 129 giocatori, provenienti da regioni di tutto il Giappone e suddivisi in 43 squadre di 3 componenti ognuna, si sono dati battaglia sfoderando tutto il loro repertorio di mosse segrete, combo e – elemento cardine del gioco – Fatal K.O..

Senza entrare troppo nel dettaglio circa i partecipanti e lo svolgersi del torneo (se proprio volete c’è l’articolo originale in inglese con tanto di video annessi), l’evento è stato come sempre memorabile, sia per la bravura stessa dei partecipanti, sia perché quest’anno, per la prima volta, K.I. ha dovuto cedere il passo e consegnare il trofeo al team MicrotransactionTV.

Foto ricordo: K.I. che infila una combo da 150 Hit. Così, per gradire.

Considerazioni personali

Se l’autore del pezzo originale espone le sue considerazioni riguardo a come l’evento si riflette sulla scena FGC, dal canto mio non posso invece fare altro che dire la mia circa le possibili implicazioni di tutto questo nell’ambito di Hokuto No Ken come opera e come brand.  Anche qui, però, c’è bisogno subito di una premessa importante. Come ormai avrà notato chiunque, tutte le produzioni ed i prodotti di merchandise che gravitano nell’orbita di Hokuto hanno ormai un target ben specifico che è quello di chi è cresciuto con il manga originale e/o l’anime storico, quindi una massa di persone di un’età media compresa tra i 40 e i 50 anni se si guarda al solo Giappone. In Italia lo scarto è di poco, perché l’anime è arrivato quasi subito pure qui, mentre il resto del mondo fa effettivamente poco testo in termini di pubblico. Data la situazione, è chiaro che quel ricambio generazionale necessario alla sopravvivenza a lungo termine del brand non c’è stato. Non che non ci abbiano provato, tanto con la Trilogia e la Pentalogia quanto con i manga spin-off o anche con i due giochi della serie Ken’s Rage ma, a parte i nostalgici, davvero pochissimi sono i giovani che si sono avvicinati all’opera originale grazie a tali iniziative.

Al contrario, però, il Seikimatsu Butō-kai cresce sempre più in popolarità, coinvolgendo una platea di ragazzi amanti dei videogames che si emozionano e si appassionano nel guardare gli spettacolari scontri di altri ragazzi come loro. Nel suo piccolo questo cosiddetto “gioco di merda”, pubblicato ormai 12 anni fa, potrebbe riuscire laddove hanno fallito produzioni ben più dispendiose, avvicinando nuovo e giovane pubblico al mondo di Hokuto senza scendere a compromessi con il mutato gusto del mercato odierno. Utopia? No, non credo. E’ ovvio però che a questo punto la manifestazione avrebbe bisogno di una spinta decisiva in questa direzione. Già creare il tanto richiesto sequel del gioco potrebbe essere una mossa importante, ma non andrebbe sottovalutata l’ipotesi di coinvolgere direttamente Tetsuo Hara, Buronson e la Coamix. A dirla tutta, non sfruttare quest’occasione sarebbe davvero stupido, perché di questo passo l’attuale pubblico di riferimento si estinguerà presto. Non per morte naturale, attenzione, ma perché ad una certa età le passioni diventano bei ricordi ed il tempo che prima vi si dedicava viene sostituito da quello che serve per star dietro alla famiglia, specialmente se si hanno dei figli. A quel punto o Ken morirà definitvamente o, peggio ancora, verrà ripresentato in una veste più adeguata ai gusti della massa. Esagero? Non lo so, spero di sì. Intanto, dal canto suo, Yoshihara Motoki, mangaka che ha lavorato al reboot di Cyber Blue e che è un grande appassionato di FGC, ha già iniziato a collaborare con questa scena particolare e anche con il Seikimatsu Butō-kai, realizzando illustrazioni apposite per gli eventi, oltre che creare un manga, Battle Mexia, incentrato su un futuro dominato dalle competizioni tra gamers. Che sia un segno?

shortlink: http://wp.me/p1KoP8-85i